COMUNI »
Ghedi celebra la carica dei 250

Premiati gli studenti meritevoli.

A Ghedi un appuntamento tradizionalmente sentito come la consegna dei premi agli studenti meritevoli quest’anno ha assunto un significato ancora più forte. Un rilievo del tutto particolare che è stato assicurato da diversi motivi, a cominciare dal fatto che i premiati sono stati 252, passando dai ragazzi che lo scorso anno hanno terminato la Scuola Primaria (53) a quelli che hanno frequentato la Secondaria di Primo Grado (60), da quelli che hanno portato avanti o concluso le Superiori (138) fino ad un universitario che si è appena laureato discutendo una tesi dedicata proprio al Centro Sportivo di via Olimpia a Ghedi. Un riconoscimento, come ha sottolineato durante la cerimonia che si è svolta nella sala del Plesso Tosoni l’assessore alla Pubblica Istruzione, Alice Vighi, che ha preso in considerazione l’anno scolastico 2016/2017: “La filosofia di queste borse di studio non consiste tanto nel valore economico del premio, più simbolico che altro (anche se presenta pur sempre una sua validità). L’idea è quella di premiare gli studenti che si sono distinti per merito e capacità, frutto certo di doti naturali, ma anche della volontà di imparare e di impegnarsi. E’ proprio in questa direzione che la nostra Amministrazione spinge con convinzione questa manifestazione che vuole essere un invito per i premiati a proseguire sulla strada intrapresa e l’auspicio che un simile esempio, oltre ad essere giustamente lodato, possa trovare imitatori. Un momento di formazione e di crescita che viene esteso a tutta la comunità di Ghedi e che, proprio per questo, ci spinge a rivolgere il nostro ringraziamento, insieme alle cartolibrerie ghedesi che ancora una volta hanno messo a disposizione il premio riservato alle classi quinte della Scuola Primaria) ai ragazzi che sono i protagonisti di questa iniziativa, ma anche a tutte quelle realtà che ogni giorno si dedicano alla loro maturazione ed istruzione, dalle famiglie agli insegnanti”. Le “corpose” premiazioni, accompagnate davanti all’affollata platea anche dall’assessore ai servizi alla persona Delia Bresciani, sono così iniziate con il riconoscimento attribuito al neo-laureato, il giovane Andrea Asti, che ha da poco terminato gli studi in architettura discutendo una tesi dedicata, in estrema sintesi, al rapporto tra pubblico e privato in relazione al Centro Sportivo di Ghedi. Il neo-dottore, proprio per seguire la sua formazione, si trova da quasi un anno a Londra, dove ha cominciato a lavorare. Nell’illustre occasione ha così voluto ringraziare il Comune per la collaborazione prestata nella realizzazione della sua tesi e si è fatto rappresentare dai suoi genitori visibilmente soddisfatti. Subito dopo è entrata nel vivo la felice passerella dei numerosissimi premiati, che hanno mostrato con gioia il riconoscimenti ricevuto ed hanno condiviso il sempre gradito rituale delle foto-ricordo (a tal proposito l’assessore Alice Vighi ha ringraziato anche il Circolo Fotografico Lambda che ha realizzato il servizio che ha documentato l’intera manifestazione). Al termine della consegna delle borse di studio i genitori presenti hanno applaudito con motivato orgoglio i loro figli, lanciando l’auspicio di poter partecipare anche il prossimo anno alla cerimonia quale testimonianza di un impegno e una voglia di crescere al meglio che proseguono con felici risultati. 

 

Data di pubblicazione 13/06/2018
 


News:

podcast
podcast
Meteo »
Sponsor »
Calendario »
Sponsor »
Ricerca »
Ricerca per parola chiave:
Data da:
Data a:
?>