Sirmione: multa in arrivo per gli indecorosi

La tutela e la valorizzazione del nostro territorio necessitano della collaborazione di tutti.  Come Amministrazione Comunale concentriamo gran parte delle nostre risorse in tale direzione. Il progetto di parziale pedonalizzazione del centro storico è certamente tra i più significativi: sta generando un contagioso entusiasmo e molte aspettative, che ci danno la spinta necessaria a superare gli inevitabili imprevisti quotidiani.

Talvolta bisogna ricorrere anche ad atti straordinari come la recente costituzione di parte civile nel procedimento giudiziario in corso per la passeggiata di Punta Grò, un passaggio necessario perché il Comune possa avanzare una richiesta di risarcimento per i danni subiti, sia diretti che soprattutto d’immagine.

Se poi vogliamo citare qualche numero ricordiamo che ogni anno, tra primavera e autunno, piantumiamo nelle aiuole dell’intero territorio ben oltre 40.000 fiori tra begonie, simpatiens, zinnie, ortensie, bulbi di tulipani e narcisi.

Insomma, l’Amministrazione Comunale ha sempre dimostrato particolare attenzione alla tutela  del territorio e dell’ambiente che ci circonda, senza dimenticare di arricchire il tutto con prestigiose manifestazioni artistiche e culturali, che si susseguono quasi ogni giorno.

Il punto che oggi vogliamo sottolineare è il seguente: tutti i nostri sforzi acquistano maggior valore quando si intrecciano con quelli di coloro che “vivono Sirmione” ogni giorno, cittadini, operatori residenti e turisti.

Soprattutto a questi ultimi chiediamo attenzione nel rispetto di alcune regole basilari, quali ad esempio:

non passeggiare a torso nudo o in costume da bagno nelle zone abitate o non destinate alla balneazione.

non utilizzare i giardini e le aree verdi come zone per il pic-nic o per il riposo sull’erba.
utilizzare correttamente i raccoglitori dei rifiuti dislocati sul territorio.

Comportamenti in apparenza scontati ma non osservati da tutti, come da segnalazioni che ci giungono purtroppo numerose. Il nostro intento è quindi quello di portare avanti una campagna di sensibilizzazione per prevenire ogni comportamento scorretto.

Per questo, e qui sta forse la novità di oggi, chiediamo inoltre alla Polizia Locale un ulteriore impegno per andare a sanzionare tutti coloro che agissero in difformità. Uno sforzo ulteriore, perché già sono impegnati su molteplici fronti, in particolar modo in alta stagione turistica.

Le norme sono contemplate dal regolamento comunale di Polizia Urbana, adottato con modifiche in ultimo con D.C.C.  n. 29 del 27/5/2015.

 

In particolare l’articolo 5 recita in diversi punti che è vietato:

b: sedersi recando intralcio e disturbo, ovvero ostruendo le soglie degli ingressi, sdraiarsi per terra, bivaccare nelle strade, nelle piazze, sui marciapiedi, sotto i portici, sul muro di cinta del Castello Scaligero;

l: compiere presso fontane pubbliche o comunque su area pubblica o di uso pubblico operazioni di lavaggio;

m: all’interno della zona del centro storico, circolare in tenuta balneare o a torso nudo;

n: immergersi nelle fontane pubbliche, compiere atti di pulizia personale o che possono offendere la pubblica decenza o farne altro uso improprio;

o: spostare, manomettere, rompere o insudiciare i contenitori dei rifiuti;

x: abbandonare o depositare bevande in bottiglie di vetro, in lattina o in altro diverso contenitore, al di fuori degli appositi raccoglitori predisposti per la nettezza urbana. All’atto della contestazione, il trasgressore è tenuto a rimuovere eventuali rifiuti abbandonati sul suolo pubblico.

Chi non rispetterà tali regole può incappare in sanzioni che variano a seconda del tipo di violazione da un minimo di €25,00 ad  un massimo di €500,00.Si comincia così per arrivare ad un impegno ben più strutturato ed efficace nel prossimo 2019, al fine di garantire a tutti di “vivere” serenamente la bellezza di Sirmione.”

 

L’Amministrazione Comunale di Sirmione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.