Export bresciano, bene anche il terzo trimestre

Dati molto positivi per l’export bresciano nel terzo trimestre 2018, secondo i dati diffusi oggi dall’Istat rielaborati dal Centro Studi Apindustria. Le esportazioni hanno infatti superato i 4 miliardi di euro (4.000.607.829), mentre le importazioni si sono assestate a 2,2 miliardi circa (2.238.702.356).

L’analisi per singolo trimestre registra +6,6% sul fronte delle esportazioni e +6,3% su quello delle importazioni. Nei primi nove mesi dell’anno le esportazioni bresciane hanno superato quota 12,6 miliardi (12.608.213.779), +8,1% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. Nei primi nove mesi le importazioni hanno avuto un valore di 7,4 miliardi di euro circa (7.381.096.151), +9.5%.

Nell’analisi provinciale dell’export fatta dall’Istat, la provincia di Brescia è nel gruppo (insieme a Milano, Asti, Siracusa, Varese, Piacenza e Gorizia) di quelle che hanno avuto le performance migliori. Per quanto riguarda la ripartizione geografica l’Europa continua a rappresentare ovviamente la parte principale (76,5% circa), in particolare quella comunitaria. La fetta non UE incide infatti per poco più di un miliardo di euro (1.043.600.935) sul totale (8,2%). A livello europeo la Germania si conferma il partner di gran lunga privilegiato per le merci bresciane (2.619. 872.384), rappresentando il 20,7% del totale dell’export. Molto bene anche le esportazioni verso la Francia (1,4 miliardi di euro; + 8,4%) e il Regno Unito (554 milioni, +9.9%). Positivo l’export anche verso gli Stati Uniti (851 milioni di euro, +16%) e l’Asia (1.281 milioni, +4,9%), in particolare verso la Cina (347 milioni, +6,4%). Stazionario invece verso l’India (102 milioni), così come non troppo movimentato quello verso l’America Latina (313 milioni di euro, +3,6%). In calo le esportazioni verso l’Africa (348 milioni, -14%).

«In una provincia manifatturiera come la nostra l’export sta trainando molto e non mi stupisce – afferma Alessandro Orizio, vicepresidente di Apindustria con delega all’internazionalizzazione -. Mi preoccupa più la dinamica dell’import. Se nei prossimi mesi ci sarà una frenata si rischia di avere un calo delle esportazioni e un mantenimento però delle importazioni. Molti, oggi, sono i fattori internazionali di incertezza: il settore dell’automotive in via di ridefinizione, le politiche statunitensi di Trump a difesa dei propri commerci, la situazione politica europea piuttosto traballante, per la Brexit e non solo. A questo si somma anche l’ennesima stretta sugli investimenti delle banche nei confronti delle PMI. Gli stessi Pir, nati per sostenere le piccole e medie imprese, si stanno rivelando in realtà uno strumento che favorisce la finanza. Di 20 miliardi di raccolta fatti finora con i Pir, meno di 350 milioni sono andati alle PMI, quasi sette sono finiti invece a società già quotate, il resto è rimasto alle società di gestione. Una situazione che rischia di peggiorare ulteriormente nei prossimi mesi, quando finirà il quantitative easing della Banca Centrale Europea».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *