I Gnari dè Mompià hanno recuperato il presepe vandalizzato

L’1 gennaio 2019 i volontari dell’Associazione Gnari dè Mompià hanno recuperato in mezzo ai rovi del bosco le statue della Natività distrutte dallo sconcertante atto di cattiveria che durante la notte del 21 dicembre 2019 ha distrutto il Presepio nella Valle di Mompiano.

Grazie al parroco di S.Gaudenzio che immediatamente ha prestato le statue della chiesa di S. Maria, il Vescovo mons. Pierantonio Tremolada ha impartito la solenne benedizione della Grotta difronte a oltre 500 persone che hanno voluto partecipare il 23 dicembre all’inaugurazione del Presepio.

Il 27 dicembre, grazie al Sindaco e all’intero Consiglio Comunale, è stata allestita sotto il portico della Loggia una selezione di 15 edicole recuperate dopo l’attentato. Le edicole sono il frutto dell’impegno dei ragazzi di Spacebook dell’Oratorio di Mompiano, degli Scout BS5° della Parrocchia SS.Trinità e degli allievi del Liceo De Andrè che hanno sviluppato il tema del Presepio: “Il dono come bene comune”.

L’esposizione sotto la Loggia è tutt’ora visitabile sino al 6 gennaio.

Tale sacrilegio ha “portato in dono” la corale solidarietà della città: rispondendo al nostro appello sono oltre 300 le statuine che migliaia di visitatori hanno deposto in luogo a quelle profanate. Una continua processione di “pellegrini” in questi giorni sta camminando verso il Presepio e la Grotta che resteranno visitabili sino all’Epifania.

Si ricorda che il Ristoro presso il Rifugio dei Gnari dè Mompià in prossimità del Presepio resterà aperto sabato 5 e domenica 6 gennaio, mentre tutta la cittadinanza è invitata a partecipare: Sabato 5 gennaio 2019 alle ore 20,30
presso il salone della Cooperativa Sociale Nikolajewka in via Nikolajewka, 15 – Mompiano – Bs, allo spettacolo teatrale dal titolo “Nido” curato dal Teatro Telaio – Regia di Angelo Facchetti con Michele Beltrami e Paola  Cannizzaro. Ingresso libero e solidale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *