Congedo per i papà: proroga 2019 e novità

Come previsto dalla Legge di Bilancio, il congedo papà è stato prorogato anche per l’anno 2019, con una piccola sorpresa in più: durata di congedo aumentata a cinque giorni e la possibilità di accedere a un giorno di congedo facoltativo in più.

 

Possono usufruire del congedo i padri lavoratori dipendenti che hanno presentato domanda di congedo obbligatorio a seguito di nascite, adozioni e affidamenti avvenuti durante il 2019.

 

Il padre del bambino ha diritto ad un congedo di cinque giorni da utilizzare entro i primi cinque mesi di vita o dall’ingresso in famiglia/in Italia del minore. L’indennità è pari al 100% della retribuzione giornaliera del lavoratore moltiplicata per i giorni di congedo.

 

Come accennato, è possibile accedere a un giorno di congedo facoltativo in più; in realtà si tratta di uno “scambio”, in quanto il padre fruisce di questo giorno extra al posto della madre (per questo è necessario che i due neo-genitori siano entrambi d’accordo).

 

La presentazione della domanda:

  • Se il pagamento delle indennità è erogato direttamente dall’INPS, il lavoratore deve presentare domanda all’INPS
  • Se il datore di lavoro anticipa il pagamento delle indennità, allora non bisogna rivolgersi all’INPS. È comunque necessario comunicare in forma scritta al proprio datore di lavoro la fruizione del congedo
  • Il padre deve comunicare le date di congedo con un preavviso di almeno 15 giorni. Se il congedo viene richiesto in concomitanza con la nascita, bisogna comunicarlo almeno 15 giorni prima della data presunta del parto

 

Per i nati nel 2018:

I giorni di congedo obbligatorio riservati ai padri restano 4, anche se il padre del minore decide di utilizzarli nell’anno 2019 (ricordiamo che c’è una finestra di tempo pari a 5 mesi dalla nascita/entrata in famiglia del minore per accedere al congedo).

  • Nascita/affidamento dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2019 = 4 giorni di congedo
  • Nascita/affidamento dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019 = 5 giorni di congedo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *