Poste Italiane cede gratuitamente a Vestone un’area urbana

Presso Vestone, alla presenza del Sindaco Giovanni Zambelli, Poste Italiane ha reso disponibile in cessione gratuita all’amministrazione comunale l’area urbana adibita a parcheggio di Viale G. Marconi.

Soddisfazione è stata espressa dal primo cittadino di Vestone per questo atto di grande valore per la comunità: “La vicinanza di Poste Italiane alle realtà meno densamente abitate, e in particolare al nostro territorio comunale, si è manifestata non solo con questa importante donazione, ma anche con la recente installazione di una rampa di accesso per facilitare l’ingresso dei diversamente abili presso l’ufficio postale di via Quattro Novembre, sottolineando ancora una volta l’attenzione che l’Azienda pone verso le esigenze di tutti i cittadini”.

Il Responsabile Immobiliare Macroarea Nordovest di Poste Italiane, Francesco Porcaro, ha dichiarato: “Il nostro impegno concreto e tangibile a favore delle comunità dei piccoli Comuni conferma il ruolo strategico della capillarità della nostra rete al servizio dei cittadini, del tessuto imprenditoriale e degli amministratori locali”.

Con il gesto di oggi si concretizza uno dei dieci impegni che Poste Italiane ha assunto durante l’incontro Sindaci d’Italia del 26 novembre scorso a Roma e rappresenta l’avvio di un progetto immobiliare più ampio ed articolato su tutto il territorio nazionale.

L’Azienda, in coerenza con la sua missione sociale, ha individuato alcune aree e alcuni immobili di proprietà, con l’intento di offrirli ad uso gratuito alle comunità locali.

Poste Italiane, grazie alla sua rete capillare e presente in tutti i Comuni d’Italia, intende con tale impegno confermare la grande attenzione e sensibilità alle realtà territoriali. L’effettiva realizzazione di tali impegni è consultabile sul nuovo portale web all’indirizzo www.posteitaliane.it/piccoli-comuni.

L’iniziativa è coerente con i principi ESG sull’ambiente, il sociale e il governo di impresa, rispettati dalle aziende socialmente responsabili, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *