MuoviAmoCi al Villaggio Sereno

“L’educazione è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo”. La frase di Nelson Mandela si legge all’ingresso dell’istituto “Calvino” nel quartiere di Chiesanuova, una delle scuole medie e superiori che hanno partecipato al percorso di educazione ambientale “MuoviAmoCi”, realizzato dal Gruppo Brescia Mobilità e da Legambiente Brescia nell’ambito del progetto MILES (Mobilità Integrata come Leva Educativa alla Sostenibilità).

Educare i giovani a muoversi in maniera consapevole è un passaggio fondamentale per migliorare le abitudini quando si tratta di spostamenti in città. Questa iniziativa è nata infatti per coinvolgere i ragazzi in questioni complesse ma fondamentali come quelle della mobilità sostenibile e del rispetto dell’ambiente,
partendo innanzitutto dall’importanza delle scelte che si fanno quando quotidianamente ci si muove da casa a scuola o da casa al lavoro.

Al termine di questo percorso, lunedì 20 maggio al Cinema Teatro del Villaggio Sereno, gli alunni rappresentanti del Consiglio di Quartiere della Scuola Media Franchi dell’Istituto Comprensivo Franchi Sud 2, hanno presentato un incontro aperto al pubblico sui vantaggi di una mobilità sostenibile e sull’importanza che essa riveste nel determinare la qualità dell’ambiente e la vivibilità della nostra città.

Alternandosi agli interventi dell’assessore Federico Manzoni, dell’Ing. Ezio Cerquaglia, del prof. Carmine Trecroci e del glaciologo Cristian Casarotto, durante l’incontro i giovani studenti hanno raccontato la loro esperienza ai genitori e alla cittadinanza, presentando le uscite fatte al deposito dei bus e della metro o nei luoghi di interesse naturalistico della città (il Monte Maddalena, il Museo di scienze naturali, il colle di Sant’Anna, la Valle di Mompiano) e i diversi laboratori svolti in classe (dall’ ”Escape bus”, alla pulizia del giardino della scuola, alla creazione di braccialetti con vecchie catene delle biciclette e alla realizzazione di slogan e cartelloni di protesta sull’esempio di Greta Thumberg)

Durante l’incontro sono state presentate anche le analisi sulla mobilità quotidiana effettuate all’inizio e alla fine l’attività didattica. Dalle risposte date dagli studenti ad un questionario sui loro spostamenti abituali si sono ottenute informazioni utili per programmare iniziative future e per verificare l’impatto di “MuoviAmoCi” sulle idee e i valori dei ragazzi in tema d’ambiente e sostenibilità. Vale la pena sottolineare poi come questo evento abbia rappresentato per gli studenti un’importante opportunità per coinvolgere gli adulti nella riflessione riguardo ai modi in cui utilizziamo i mezzi e le risorse a disposizione.

Per una volta sono stati gli studenti a spiegare ai genitori le loro scoperte e a trasmettere così il messaggio che siamo tutti responsabili dell’ecosistema e del pianeta. Un contributo prezioso è arrivato anche dai bambini della scuola primaria Marcolini, che hanno allestito il cinema con i cartelloni usati durante la manifestazione per il clima del 15 marzo cui hanno aderito. Il cambiamento verso stili di vita più sostenibili passa per la formazione della persona, nel suo legame con gli altri e con il mondo, a prescindere dall’età e dal contesto in cui si vive. La scuola e l’educazione sono uno strumento indispensabile per la diffusione di modelli di mobilità che siano davvero sostenibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *