Sempre più italiani chiedono un prestito per andare in vacanza

Sempre più prestiti, anche per andare in vacanze. Ben 25 mila italiani hanno chiesto un prestito medio di 4.000 euro per potersi fare le vacanze. Indebitandosi complessivamente per oltre 100 milioni di euro. È quanto risulta da un’analisi di SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single e di gruppo.

Quest’anno a farlo saranno addirittura in 25 mila, chiedendo un prestito medio di 4.000 euro. Complessivamente stiamo quindi parlando di 100 milioni di euro di debiti per le vacanze: il 18% in più rispetto all’anno scorso.

Insomma a rivolgersi ad una società di credito per pagare le vacanze è un numero sempre maggiore di italiani.
Quelli tra loro che già hanno chiesto un prestito l’anno scorso, si ritroveranno a pagare 2 quote per le vacanze degli ultimi 2 anni. E l’anno prossimo non avranno ancora finito di pagare, ritrovandosi probabilmente a dover rinunciare alle ferie o a dover chiedere ancora un altro prestito. Una situazione preoccupante.

Il tour operator specializzato in viaggi per single e di gruppo ha invece fatto una scelta diversa: niente accordi con banche e finanziarie per incentivare i consumi, ma tante proposte diversificate ed a prezzi competitivi. In più, per chi è solo, si può perfino condividere la camera e la cabina, nel caso di una crociera, con un’altra persona dello stesso sesso, abbattendo ulteriormente i costi.

Grazie all’elevatissimo numero di iscritti, il tour operator riesce ad acquistare grandi pacchetti ed ha così un grande potere negoziale sui prezzi, riuscendo a trasferire i benefici ai suoi clienti.

Proposte molto convenienti dunque in Italia, dove quest’anno SpeedVacanze.it propone viaggi particolarmente adatti per socializzare, includendo splendide località tra le quali anche Pugnochiuso in Puglia con le sue acque cristalline, le Cinque Terre in Liguria con il suo parco naturale protetto e Stintino in Sardegna con la sua spiaggia di sabbia bianca finissima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *