Trofeo Città di Lumezzane: è Brescia la regina!

Il 2° Trofeo Città di Lumezzane, test amichevole tra Sarca Italia Chef Centrale del Latte e Kioene Padova, se lo aggiudicano i Tucani che, dopo un primo set contratto, hanno imposto un gioco convincente e spumeggiante fissando lo score sul  3-1.

 

Lumezzane – Il PalaFiera valgobbino è stato il teatro del confronto amichevole tra Sarca Italia Chef Centrale del Latte e Kioene Padova, valido per il 2^ Trofeo Città di Lumezzane, disputato giovedì sera davanti ad un pubblico caldo e partecipe.

 

Coach Roberto Zambonardi ha schierato in avvio Tiberti – ex capitano di Padova, dal 2009 al 2012 – in diagonale con Bisi, Galliani e Cisolla in banda, Candeli e Mijatovic al centro con Franzoni libero.

Baldovin è invece partito con Travica incrociato a Casaro; Polo e Volpato al centro, Randazzo e Barnes in banda e Bassanello libero. Padova scappa 7-1 grazie al doppio ace di Polo, ma Bottolo deve subito sostituire Casaro, che si infortuna alla caviglia in un contrasto a rete. La Kioene domina in tutti i fondamentali, ma Brescia, quando la ricezione funziona bene, trova qualche sprazzo con Cisolla e Candeli (un primo tempo e un murone su Polo). Bisi mette il mani out del 10-18, ma il servizio ospite è micidiale e il parziale si chiude 13-25. Festi rileva Mijatovic al centro: Tiberti e Franzoni corrono per tutto il campo e Cisolla è efficace in prima linea con Galliani, che fa bene anche in ricezione (5-8). Kioene può contare sul gioco veloce, ma Festi e Candeli, assieme agli ottimi recuperi di Franzoni, permettono a Sarca Italia Chef Centrale di restare attaccata. Al termine di uno scambio spettacolare, Bisi ha la meglio (17-18) e il servizio di Crosatti permette ai Tucani di mantenere il vantaggio di una lunghezza: la squadra sta girando, macinando convinzione. Ristic prende il posto di Galliani: il gioco al centro funziona meglio e crescono ritmo e spettacolo (21-20). La banda bosniaca infila due lungolinea e una ricezione perfetta: l’errore al servizio di Polo permette a Brescia di pareggiare i conti (25-23).

La Sarca Italia Chef Centrale prende posizione in campo e diventa pericolosa, con tutti i suoi attaccanti messi in bell’evidenza da Tiberti. Bisi trapassa il muro a tre veneto e Cisolla mete l’ace nell’angolo dei nove metri (12-9). Festi, Candeli e Ristic fanno girare la testa alla difesa di Padova; Ostuzzi entra e piazza l’ace del 22-18 senza alcun timore. Tiberti manda a segno Festi con un palla tesa perfetta e poi chiude dai nove metri (25-20).

Nuovo equilibrio in campo con Galliani e Ristic, Festi e Mijatovic: Tiberti li galvanizza e Padova, sotto pressione, sbaglia qualcosa in più (12-8). Malvestiti fa rifiatare Bisi (12 punti per lui, Top scorer Atlantide); Padova prova soluzioni con gli inserimenti di Merlo e Cottarelli, ma Brescia è determinata a fare bella figura. Randazzo avvicina i suoi (15-11), i Tucani li tengono a bada con Galliani e con il muro che tocca tutto (21-16). Spazio per Ceccato e Ostuzzi, che si prende il match ball, chiuso da Mijatovic con un muro perentorio (25-22).

Atlantide ringrazia Sferc Srl, partner infaticabile, il Comune di Lumezzane e la Pallavolo Padova che hanno reso possibile l’evento. Premiato dal sindaco Facchini e da Valerio Campadelli di Sferc srl, Simone Tiberti ha commentato: “Dopo una partenza contratta, ci siamo sciolti e, seppur contro una formazione rimaneggiata, abbiamo fatto vedere buone cose. Le indicazioni sono positive, perché di fronte avevamo comunque una squadra con un attacco forte e veloce, soprattutto con Travica in campo. Noi dobbiamo soprattutto lavorare per trovare l’assetto migliore.”

 

Tabellino

 

Sarca Italia Chef Centrale – Kioene Padova 3-1 (13-25; 25-23; 25- 20;

25-22)

 

Sarca Italia Chef Centrale: Tiberti 3, Bisi 12, Galliani 8, Ristic 7,

Cisolla 11, Mijatovic 2, Festi 11, Candeli 6,  Franzoni (L), Crosatti ,

Ostuzzi 2, Malvestiti 2, Ceccato, Ghirardi ne. All. Zambonardi

 

Kioene Padova: Polo 8, Volpato 8, Travica 1, Casaro 1, Randazzo 14,

Barnes 7, Bassanello (L); Fusaro 1, Cottarelli 1, Bottolo 15, Merlo 4,

Canella 1. All.: Baldovin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *