Disturbi dell’apprendimento, approvata la Legge

Via libera in Consiglio regionale alla legge che introduce nuove misure per prevenire i disturbi dell’apprendimento e che si pone come obiettivo principale l’individuazione precoce dei segnali predittivi.

La legge pone attenzione a quell’area di disturbi che vengono raccolti sotto la sigla DSA, ossia la dislessia, la disgrafia e la discalculia.
Su queste aree problematiche, che riguardano circa il 4% dei bambini – ha detto la relatrice del provvedimento Gigliola Spelzini (Lega) – un intervento integrato sia a livello sanitario che scolastico può porre in essere strategie inclusive che permettono di aiutare i soggetti nell’apprendimento, utilizzando in modo mirato e consapevole anche gli strumenti compensativi e dispensativi previsti dalla legge 170”.

Al fine di coordinare al meglio tutti questi interventi, il testo dispone la stesura di un protocollo d’intesa tra l’Ufficio Scolastico regionale e Regione Lombardia per organizzare una progettazione condivisa, mirata e competente con interventi congiunti sia a livello scolastico che sanitario, attraverso la costruzione di una rete e di una filiera virtuosa.

Il provvedimento prevede uno stanziamento di 200 mila euro per le iniziative di informazione e sensibilizzazione (per ciascun anno nel biennio 2020/2021), 50 mila euro per la formazione del personale docente e altre 50 mila euro a favore delle famiglie per l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati (sempre per ciascun anno nel biennio 2020/2021): stanziati infine cinque milioni di euro, nel 2019, per interventi sanitari, calcolati sulla base dell’analisi dei dati del flusso che registra le prestazioni di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza.
Proprio in ragione delle caratteristiche del disturbo, la legge si pone anche l’obiettivo di filtrare gli accessi in neuropsichiatria infantile dei bambini con DSA, monitorando le situazioni e lavorando con un approccio multidisciplinare e integrato a livello di intervento pedagogico.

La legge è stata approvata all’unanimità con la sola astensione del capogruppo di +Europa Michele Usuelli.
Il Consiglio ha anche approvato un ordine del giorno, proposto dal Partito Democratico (primo firmatario Gian Antonio Girelli), con cui si invita la Giunta regionale a sostenere le misure necessarie per semplificare e velocizzare le tempistiche di certificazione del disturbo.
Per rafforzare l’azione di sensibilizzazione, sarà individuata una data del mese di ottobre per celebrare la giornata dedicata ai disturbi dell’apprendimento .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *