UniCredit e Fondazione Sodalitas a supporto delle imprese del terzo settore presenti nel territorio bresciano

Lo scorso 28 febbraio, un accordo tra Assolombarda e Fondazione Sodalitas ha consentito di allargare l’uso di Bancopass alle Organizzazioni non-profit, al fine di facilitare e rendere più efficace e trasparente la comunicazione delle caratteristiche qualitative, economiche e finanziarie delle imprese del terzo settore, semplificandone i rapporti con il mondo bancario e finanziario.

La convenzione prevede che gli enti che aderiscono al progetto possano accedere gratuitamente, esclusivamente tramite Fondazione Sodalitas, alla piattaforma cloud che gestisce il servizio, potendo così ottenere con un click un report che analizza la situazione economico-patrimoniale, costruire in modo guidato un business plan e creare un modello di presentazione che facilita la preparazione di un biglietto da visita in un formato standard riconosciuto e condiviso dalle banche e adatto anche alla presentazione ad altri finanziatori. Fondazione Sodalitas affiancherà gli enti interessati nelle fasi iniziali di utilizzo della piattaforma e fornendo un help desk di primo livello.

UniCredit e Fondazione Sodalitas hanno illustrato il prodotto Bancopass e il progetto Social Impact Banking di UniCredit, presso la sede della banca in via Sorbanella, a oltre trenta Organizzazioni del Terzo Settore bresciane.

La piattaforma Bancopass, cui gli enti del Terzo Settore possono accedere gratuitamente attraverso Fondazione Sodalitas, costituisce uno strumento efficace per supportare lo sviluppo di una cultura di pianificazione e controllo e per accedere a fonti di finanziamento sia tradizionali che innovative” ha dichiarato Giuseppe Pitotti, Manager fondatore volontario Gruppo Finanza Sociale di Fondazione Sodalitas.

Abbiamo deciso di aderire, sin dal lancio ad inizio 2013, al servizio Bancopass – dichiara Giovanni Solaroli, Regional Manager Lombardia di UniCredit – ed estenderlo alle organizzazioni del terzo settore ci è sembrato naturale. Siamo infatti convinti che una migliore relazione tra banca e impresa possa facilitare il processo decisionale in materia di richieste di finanziamento, consentendoci di sostenere le realtà oggettivamente valide. Bancopass ci permette di dare risposte in tempi veloci a fronte di una maggiore qualità, trasparenza e completezza dell’ informativa societaria.

Social Impact Banking rappresenta l’impegno di UniCredit nel costruire una società più equa e inclusiva. Il suo scopo è identificare, finanziare e promuovere persone e imprese che possono avere un impatto sociale positivo. L’approccio mira a generare un più diffuso benessere sociale e a supportare la sostenibilità economica di queste realtà. Oltre a fornire continuamente credito a progetti e organizzazioni generalmente esclusi dai tradizionali prodotti e servizi bancari, Social Impact Banking condivide il proprio know-how finanziario e aziendale attraverso iniziative educative dedicate a microimprenditori, imprese sociali e gruppi vulnerabili o svantaggiati, compresi i giovani e altri soggetti a rischio di esclusione sociale.

UniCredit Social Impact Banking opera su tre linee principali:

– Microcredito

– Impact financing

– Promozione dell’educazione finanziaria, della cittadinanza attiva e dell’inclusione economica

  • Microcredito: Social Impact Banking sostiene quelle micro-aziende generalmente escluse dai servizi bancari tradizionali, aiutando molti micro-imprenditori a crescere e generare nuovo lavoro, confermando il supporto della Banca all’economia reale. Oltre al sostegno economico forniamo servizi di supporto e formazione all’attività imprenditoriale grazie a una rete di 93 partner sociali e ai volontari UniGens -dipendenti ed ex dipendenti di UniCredit- che accompagnano le aziende nel loro percorso di crescita e sviluppo, insieme a strumenti digitali che abilitano i clienti in percorsi sulla imprenditorialità e nella creazione del loro business plan. Per aumentare l’inclusività dell’offerta, UniCredit ha siglato due accordi di garanzia con il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) per un ammontare complessivo di 110 milioni di euro a beneficio di circa 5.500 microimprese in Italia. Dal lancio del progetto al 30 settembre 2019, Social Impact Banking ha erogato in Italia 2.247prestiti di microcredito per un importo di 44 milioni 350mila di euro.

 

  • Impact Financing: L’impact Financing offre sostegno finanziario all’impresa sociale, riconosciuta come motore positivo di cambiamento. Attraverso prestiti a condizioni van¬taggiose e formazione finanziaria, sosteniamo i nostri Clienti condividendo le loro “storie di successo” e promuo¬vendo nuove partnership e attività di network che aumenti l’efficacia delle nostre iniziative. Inoltre, attraverso il meccanismo di pay for success, riconosciamo loro ulteriori benefici economici definiti in base al raggiungimento di obiettivi a impatto sociale condivisi. Con l’obiettivo di sostenere l’imprenditoria sociale, UniCredit ha firmato un accordo di garanzia di 50 milioni di euro con il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI). Dal lancio del progetto al 30 settembre 2019, Social Impact Banking ha erogato in Italia 50 operazioni per 62 milioni e 600mila euro di impact financing.

 

  • Educazione finanziaria e inclusione: UniCredit favorisce lo sviluppo della cittadinanza attiva e responsabile e l’inclusione economica dei giovani attraverso il programma triennale Startup your life, riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca tra i “Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento”. Il percorso è dedicato agli studenti degli istituti superiori, a partire dalle classi terze fino alle classi quinte. Dal suo avvio, Startup your life ha raggiunto oltre 26.000 studenti di 270 scuole e ha erogato 2.000.000 di ore di training, avvalendosi sia del supporto di 370 persone tra cui tutor, colleghi ed ex colleghi e di una piattaforma di e-learning, premiata come vincitrice del primo premio “Best Unique or Innovative Learning and Development Programme” da Brandon Hall – leader nella ricerca nel campo dell’istruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *