Bando sui “Grandi eventi sportivi” in Lombardia

Un bando con una dotazione di 1,5 milioni di euro, equamente ripartita tra il 2020 e il 2021, che definisce i criteri che regolano la concessione e l’erogazione dei contributi per l’organizzazione di ‘grandi eventi sportivi’.

 

La pubblicazione del bando, i cui contenuti sono stati approvati oggi in Giunta, avverra’ nel corso del mese di gennaio.

“Si tratta di un provvedimento che contribuisce a innalzare l’appeal gia’ molto forte che la Lombardia esercita nei confronti degli organizzatori di manifestazioni internazionali di risonanza mondiale”, ha sottolineato Antonio Rossi, sottosegretario alla Presidenza regionale con delega ai Grandi eventi sportivi. “Un’attrattiva che e’ progressivamente aumentata in questi anni, in cui la nostra regione ha ospitato competizioni europee e iridate di varie discipline, con risultati sempre di rilievo”.

 

“Nel mondo dello sport l’immagine della Lombardia e’ in costante ascesa – ha puntualizzato Rossi -. Chi sceglie le nostre montagne, le citta’, gli specchi d’acqua, i circuiti e i palazzetti della nostra regione come sede per i propri eventi e’ sicuro di vederne amplificata la risonanza grazie anche al sostegno della Regione. Il bando che seguira’ a breve – chiarisce Rossi – definira’ le modalita’ e i termini per presentare le domande, le modalita’ di assegnazione ed erogazione del contributo, le scadenze per gli adempimenti amministrativi”.

Un quadro positivo che ha i Giochi olimpici invernali del 2026 come punta di diamante.

“Come Regione crediamo molto nelle potenzialita’ economico-sociali legate ai grandi eventi sportivi – ha concluso il sottosegretario -. Si tratta di manifestazioni che offrono importantissime opportunita’ di sviluppo per il territorio.Permettono efficaci azioni di promozione turistica. Generano ricadute positive a livello occupazionale, anche per quello che riguarda l’indotto. Sono, inoltre, di stimolo alla diffusione della mentalita’ sportiva e dei suoi valori, con capacita’ di attrazione che supera le barriere intergenerazionali, sociali e culturali, generando inclusione e positivita’”. (LNews)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *