Allevamenti innovativi: Alessandro Ferrari è “Avicoltore dell’Anno”

Assegnato a Verona il premio alle best practice del settore avicolo: l’azienda Ferrari e Ardesi di Gambara vince nella categoria “Innovazione Tecnologica”

Nuovo riconoscimento per le eccellenze agricole bresciane: Alessandro Ferrari, amministratore della società agricola Ferrari e Ardesi di Gambara (BS) ha ritirato il premio “Avicoltore dell’Anno” di Unaitalia, assegnato la mattina del 29 gennaio a Verona, nell’Area Poultry Forum di FierAgricola 2020. Presente alla cerimonia anche Ettore Prandini, presidente di Coldiretti Brescia e nazionale, accompagnato da Luca Fusini, segretario di zona Leno-Gottolengo e da una delegazione di imprenditori agricoli bresciani.

Nato nel 2017 nell’ambito delle attività di valorizzazione della filiera avicola italiana e delle buone pratiche zootecniche tra le realtà associate Unaitalia, il premio riconosce ogni anno le migliori “storie virtuose” in allevamento, distinte in quattro categorie: Benessere degli Animali, Sostenibilità Ambientale, Biosicurezza e Innovazione Tecnologica. Proprio quest’ultima vede protagonista, in questa terza edizione, l’azienda avicola bresciana guidata da Alessandro Ferrari, che ha recentemente completato la costruzione di tre nuovi capannoni a elevato livello di coibentazione e di integrazione tecnologica.

“Con orgoglio ritiriamo il riconoscimento di un grande impegno per migliorare le nostre produzioni avicole – commenta l’imprenditore bresciano -. Oltre a giovare alle attività aziendali e al benessere animale, le innovazioni installate portano valore aggiunto all’intero territorio per sostenibilità ambientale, biosicurezza e risparmio termico ed energetico. Non meno importanti, naturalmente, i vantaggi in termini di qualità del prodotto finale, che ci lega alla sicurezza alimentare e alla trasparenza verso i consumatori”.

Un risultato possibile grazie all’adozione di materiali di costruzione innovativi ed eco-friendly; sistemi di alimentazione più attenti agli sprechi idrici e al trattamento dei mangimi; soluzioni illuminotecniche a LED dai rilevanti benefici energetici e di comfort animale e ventilazione a “estrazione dell’aria”, che ne facilita il ricambio in base alle specifiche esigenze dell’allevamento. Il cervello smart di questo corposo intervento realizzato presso l’azienda Ferrari e Ardesi è costituito dalla centralina elettronica in grado di monitorare h24 ogni parametro impiantistico. Quando i valori si discostano da quelli ottimali, entra in funzione un sistema di regolazione automatica per il ripristino delle condizioni ottimali di benessere animale e risparmio energetico.

Il premio nazionale, assegnato agli avicoltori dopo l’attenta selezione di una giuria di professionisti accreditati e competenti, consiste in un voucher utile a implementare ulteriormente le attività innovative del proprio allevamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *