A Brescia il Festival dei Sapori

Il “FESTIVAL DEI SAPORI” è l’evento per la valorizzazione della cultura enogastronomica della nostra provincia nel segno di East Lombardy, il progetto di promozione di un turismo e un’agricoltura sostenibili che il Comune di Brescia condivide con le amministrazioni di Bergamo, Cremona e Mantova.

Il marchio EAST Lombardy rappresenta una filiera che va dalla terra alla tavola, con ristoratori alla continua ricerca dei migliori ingredienti per proporre ai loro clienti un’esperienza di gusto unica, scegliendo e individuando quei produttori della Lombardia Orientale (formata dai territori di Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova) che hanno fatto della sostenibilità, della biodiversità e della qualità, una scelta di lavoro e di vita.

Unicità del prodotto e tipicità della ricetta uniscono nella cultura del cibo i protagonisti della filiera di East Lombardy, una sapienza che coniuga la capacità degli artigiani agroalimentari di garantire prodotti sempre migliori, sani e sempre più sostenibili (nel rispetto della terra e delle condizioni di vita e salute degli animali) con la capacità degli chef di trasformare quei prodotti in nuove e straordinarie esperienze di gusto, che fanno della Lombardia Orientale una regione gastronomica in grado di competere a livello nazionale e non solo.

Questa terza edizione arriva in un momento sicuramente delicato e difficile sia dal punto di vista organizzativo sia come “stato d’animo” generale. L’Amministrazione Comunale crede molto nel progetto e ha voluto fortemente mantenere l’appuntamento seppur in versione ridotta. Il team organizzativo dell’Assessorato al Turismo si è avvalso dell’ormai consolidata partnership con Slow Food Brescia quale garanzia per un risultato “buono, pulito e giusto” oltreché pienamente rispettoso delle normative anticovid, e della collaborazione istituzionale di Visit Brescia.

L’accesso ai diversi momenti del Festiva sarà limitato ad un massimo di 25 persone per volta e il costo per la partecipazione (solo per gli adulti) varia dai 10 ai 15 euro. Il ricavato sarà devoluto a due Onlus che si adoperano da molti anni per il  territorio bresciano e  che mai  come in questo periodo hanno saputo dimostrarsi fondamentali  e sinergiche.  Le associazioni prescelte per questa edizione sono ANT (Associazione nazionale tumori) ed Elisoccorso BravoSierra.

Una delle novità di questa edizione 2020 è la collaborazione con Fondazione Brescia Musei. Il format “Arte food – incontri tra cibo e cultura”, sarà infatti riproposto dopo il successo della scorsa edizione in tre serate (1, 2 e 3 settembre) dedicate ad altrettanti chef bresciani – Greta Gemmi, Alberto Gipponi e Alvaro Cerri – e ai loro piatti per una chiacchierata con l’autore e una degustazione “ad arte”.

La scelta di ambientare il Festival nel Castello di Brescia è sicuramente un  valore  aggiunto non da poco; la roccaforte cittadina rappresenta un’attrazione di per sé ed essere ospiti della rassegna “We Love Castello” è un’ulteriore occasione per stringere sinergie e rafforzare la rete di realtà che tanto si stanno impegnando i questi ultimi      anni per valorizzare e ridare prestigio al nostro maniero.

Sempre a sostegno dei piccoli produttori e di chi in questi anni ha scelto di valorizzare e promuovere il mondo del food sostenibile, domenica 6 è previsto il “Mercato dei Sapori” che quest’anno oltre alla consueta presenza dei produttori EAST Lombardy sarà  arricchito dalla collaborazione con Mercato23 e dalla performance musicale di Nicola Veneziani, il Dj che già suonò dal Castello nel periodo Covid e che in questa occasione proporrà un djset che avrà inizio alle ore 21 (ingresso gratuito previa prenotazione del tavolo presso Belvedere 030).

La rassegna del gusto si svilupperà tutti i giorni dall’1 al 6 di settembre dalle 16.00 alle 23.30 (circa) sempre in Castello a Brescia Piazzale della Locomotiva. I momenti sono suddivisi in tre fasce: dalle 16.00 alle 17.30 (al costo di 10 euro e su prenotazione) si susseguiranno i laboratori didattici con degustazione, organizzati da Slow Food  e  dedicati alle famiglie. “Il gusto di mangiare insieme” tratterà in ordine  “latte  e  formaggi”, “dall’ape al miele”, “dall’ulivo all’olio”, “dal grano al pane”, “dai cereali ai biscotti” e “dalla frutta la gelato”.

La seconda fascia, dalle 18 alle 20 (al costo di 15 euro e su prenotazione), si presenta con il titolo “Un territorio, tanti sapori” e avrà come protagonisti i territori della Valle Camonica, della Franciacorta, del Montenetto, della Valtrompia e del Garda. Attori principali i Consorzi dei vini (Franciacorta, Montenetto, Lugana e Valtenesi, Valle Camonica) e diversi produttori e ristoratori che attraverso il sapore ed il gusto  guideranno gli ospiti in veri e propri viaggi alla scoperta enogastronomica della nostra provincia.

La terza ed ultima fascia è quella dalle 21 alle 23.30 (al costo di 10 euro e su prenotazione) e offrirà il palcoscenico, nelle prime tre serate, ai già citati appuntamenti  di “Arte Food – incontri tra cibo e cultura” a cui faranno seguito, rispettivamente venerdì 4 e sabato 5, “Ruralopoli – Birra e pizza con grano evolutivo” in  collaborazione  con Bistrot La Curtense e “Oro colato. L’olio dei laghi bresciani” degustazione con  il  Consorzio oli DOP di Lombardia (sabato 5).

“Ruralopoli – Dove il meglio della sostenibilità incontra la città “è un progetto sostenuto dalla condotta Slow Food di Brescia e caro al Festival poiché fu lanciato proprio durante la nostra seconda edizione. Importante la collaborazione con La Curtense proprio a dimostrazione delle sinergie positive che si vanno a creare in funzione di eventi di questo tipo e che sono alla base della mission del progetto.

Novità di quest’anno sono anche le partecipazioni straordinarie di ARTHoB e BresciaBuona che durante la giornata di domenica 6 si presenteranno agli ospiti raccontando i valori e gli obiettivi alla base dei loro progetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.