Bagnolo: aggiudicati i lavori di risistemazione dei tetti del municipio

Sono stati aggiudicati all’Immobiliare Edil Rama srl di Leno i lavori di rifacimento e risistemazione della copertura del Palazzo Municipale di Bagnolo Mella. Un intervento di indubbio rilievo, che comprenderà una superficie di circa 700 metri quadrati e realizzerà una messa in sicurezza che coinvolgerà pure i tiranti necessari per consolidare la struttura. L’Amministrazione Comunale ha emesso la relativa determina lo scorso giovedì 15 ottobre e l’inizio dei lavori è previsto entro la fine del mese, anche perché il Comune bagnolese ha intenzione di investire una parte (200.000 euro) dei 500.000 euro messi a disposizione dalla Regione Lombardia nel cosiddetto “piano per il rilancio” (i rimanenti 300.000 euro verranno invece utilizzati per rinnovare la facciata della Scuola Primaria di via XXVI aprile) che, però, ha come requisito essenziale che i lavori che verranno sovvenzionati con i soldi regionali debbano iniziare obbligatoriamente entro il 31 ottobre. Per quel che riguarda la risistemazione della copertura del Municipio l’intervento si dovrebbe concludere nei primi mesi del 2021 (fine febbraio/inizio marzo?) e andrà così a completare l’importante, doppio intervento dedicato dall’Amministrazione Comunale bagnolese ai tetti degli edifici pubblici, visto che ad inizio ottobre hanno preso il via i lavori per la risistemazione e la riqualificazione della copertura del Palazzo Loggetta. In questo caso l’intervento è stato aggiudicato alla Camuna Costruzioni srl di Corteno Golgi e dovrebbe terminare entro la fine dell’anno. In questo caso la superficie interessata è di circa 300 metri e il costo totale dovrebbe aggirarsi intorno ai 135.000 euro. Per quel che riguarda più strettamente i lavori, invece, il costo comprensivo di Iva è di circa 72.000 euro e la ditta camuna si è aggiudicata l’intervento con il ragguardevole sconto del 27,5%. In merito al rifacimento della copertura del Municipio, si parla invece di un costo complessivo di circa 280.000 euro, quasi 232.000 dei quali saranno dedicati ai lavori che si è aggiudicata l’Edil Rama vincendo il nuovo bando pubblicato dal Comune di Bagnolo per un’offerta che ha abbinato qualità e caratteristiche precise ad uno sconto del 5,5%. Da segnalare, inoltre, che l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Cristina Almici ha già inserito a bilancio la somma di 500.000 euro per avere la certezza di “coprire” i due interventi dedicati ai tetti degli edifici pubblici. Opere che sono diventate ancora più urgenti dopo gli ingenti danni subiti in seguito alla tromba d’aria dell’estate del 2019 (in seguito a tale episodio il Comune bagnolese ha ricevuto dalle assicurazioni la somma di 720.000 euro a titolo di risarcimento) e che hanno reso necessaria una sistemazione definitiva per l’indispensabile messa in sicurezza degli edifici. “Vogliamo dedicare grande attenzione e la massima cura agli edifici comunali – è la sintesi del sindaco Cristina Almici – In questo momento al centro dell’attenzione c’è la copertura di due immobili di assoluto rilievo (per svariati motivi) come il municipio e la Loggetta. Per quest’ultimo edificio, tradizionalmente caro ai bagnolesi, l’intervento è già in corso, mentre per il Palazzo Comunale i lavori dovranno cominciare entro il 31 ottobre. Si tratta di opere rese urgenti dallo stato attuale dei tetti e da episodi che hanno inferto seri danni come la tromba d’aria dello scorso anno. Una volta terminate, potranno restituire la necessaria efficienza a questi edifici così importanti per la nostra comunità, salvaguardando al tempo stesso un bene fondamentale come la sicurezza. Da parte nostra, ci siamo mossi per tutelare, come sempre, nel migliore dei modi le casse del Comune. Possiamo già guardare a queste opere con la certezza che, in ogni caso, manterremo i conti in ordine. Non ci rimane che seguire lo svolgimento di questi due interventi, sperando che tutto proceda senza intoppi e nel migliore dei modi così da poter presentare il prima possibile ai bagnolesi la felice conclusione di questa ennesima opera di indubbio rilievo che vogliamo condurre a termine”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.