“Abitare: una casa da ragazzi!”, il bando 2021 a Chiari è aperto

Ottomila euro stanziati per il 2021, così da poter concretamente sostenere fino a quattro affitti per i giovani clarensi che ne faranno richiesta. È partita negli scorsi giorni l’edizione 2021 di Abitare: una casa da ragazzi!: il bando del Comune di Chiari che punta a dare un aiuto concreto a single, coppie o famiglie per avviare la loro vita indipendente, in una casa tutta loro.

Il progetto – tra i fiori all’occhiello dell’Amministrazione del sindaco Massimo Vizzardi – si rivolge ai giovani clarensi di età compresa tra i 22 e i 35 anni (compiuti) che intendono scindersi dalla famiglia d’origine e costituire il loro nuovo ed autonomo nucleo familiare. Nello specifico, il bando erogherà un contributo di 2mila euro all’anno per un periodo di due anni a decorrere dalla sottoscrizione del contratto di affitto, oltre ad un fondo di garanzia a favore del proprietario in caso di mancato pagamento dell’affitto pari a tre mensilità.

Le proprie candidature possono essere inviate fino a martedì 30 novembre 2021 e ci sono più modi per farlo.  In primis, si può inviare la domanda via mail al protocollo del Comune (comunedichiari@legalmail.it), oppure si può portarla di persona, previo appuntamento telefonico, in uno dei giorni di apertura al pubblico dell’ufficio Protocollo stesso (lunedì, martedì e giovedì dalle ore 9 alle ore 12), In alternativa, si può presentare la propria domanda via mail all’Ufficio Informagiovani (informagiovani@comune.chiari.brescia.it), oppure di persona prenotando un appuntamento telefonico (al numero 334 6640 750) nei giorni di apertura al pubblico (mercoledì dalle 15 alle 17:30; sabato dalle 10 alle 12).

«In un momento di difficoltà economica per via della pandemia, come Amministrazione desideriamo ancor di più continuare su questa strada per aiutare i giovani della nostra città a costruirsi un futuro da adulti, in autonomia e offrendogli la possibilità di rimanere a vivere nel loro Comune: punto a cui teniamo molto – ha commentato l’assessore per le Politiche Giovanili, Chiara Facchetti, promotrice del progetto -. Inoltre, grazie al bando Abitare vengono sollecitate le politiche abitative, indirizzando i proprietari di alloggi sfitti a stipulare canoni d’affitto calmierati rispetto al prezzo di mercato (offrendo garanzie anche economiche), andando così a incidere sia sulle politiche della casa, sia su quelle demografiche e sociali. Insomma, un progetto virtuoso sotto molteplici profili che non ha eguali nella zona e che punta a radicarsi sempre di più come un’opportunità su cui i giovani della nostra città possano sempre contare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.