Carretta (Azione): “Introdurre green pass obbligatorio per luoghi pubblici”

Si ritorna a parlare, causa variante Delta, di nuove restrizioni sin da subito dopo l’estate per arrestare la crescente nuova ondata di contagi che, dati alla mano, sembrerebbe colpire in maniera seria soprattutto chi ha deciso di non vaccinarsi. Il Consigliere Regionale di Azione Niccolò Carretta si schiera dalla parte di chi vorrebbe introdurre l’obbligo di Green Pass per accedere a luoghi pubblici affollati come ristoranti, cinema, musei e teatri: “Non possiamo permetterci un nuovo stop delle attività e non posso pensare ad un altro inverno in DAD per milioni di bambini e ragazzi. La variante Delta è un fatto, è presente in Europa e in Italia e con le temperature in discesa di ottobre e novembre tornerà a farsi sentire in maniera pesante soprattutto sulla quota di cittadini che ha deliberatamente scelto di non vaccinarsi”.

Il Governo, in accordo con le Regioni d’Italia, dovrebbe provare ad introdurre l’obbligatorietà del Green Pass per accedere ai servizi e luoghi pubblici maggiormente affollati sin da subito, proprio come sta pensando di fare la Francia. In parallelo auspico che, come è stato fatto per questa primavera, si tenga sempre più conto della situazione negli ospedali e nelle terapie intensive piuttosto che ai soli contagi: è probabile che quest’inverno avremo tante persone vaccinate e contagiate con bassa carica virale: pensare di fermare ancora tutto sarebbe catastrofico.

Piuttosto – conclude Carretta – potremmo pensare di prevedere limitazioni, in caso di RT ospedaliero in rialzo, soltanto per gli over 45 non vaccinati come forma di tutela visti i dati sulle ospedalizzazioni che stanno emergendo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.