Green Pass, europarlamentari Lega: no a uso distorto, scongiurare restrizioni a danno dei cittadini. “Siano tutelate libertà fondamentali, senza discriminazioni. Rendere tamponi accessibili a tutti”

“No a usi impropri del Certificato Covid Digitale Ue: un dispositivo nato esclusivamente al fine di agevolare la mobilità tra Stati Ue non si trasformi in uno strumento per discriminare, creare inutili restrizioni a persone e penalizzare attività commerciali e della ristorazione già fortemente colpite. Abbiamo presentato una proposta di risoluzione da discutere al Parlamento Europeo affinché Bruxelles esorti gli Stati membri a scongiurare utilizzi distorti del certificato Ue che possano limitare le libertà fondamentali dei cittadini. Nel documento chiediamo anche di valutare che eventuali pass sanitari nazionali rispettino i principi di non discriminazione, nonché – come già chiesto più volte dalla Lega in Ue – di rendere più accessibili i test a tutti, invitando gli Stati membri a farsi carico dei costi sostenuti dai cittadini per eseguire i tamponi. Il virus va combattuto con buon senso e rispetto delle regole, non con ulteriori misure burocratiche e controlli”.

Così in una nota Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega e prima firmataria della proposta di risoluzione, sottoscritta dall’europarlamentare bresciana Stefania Zambelli e  condivisa dagli europarlamentari Marco Campomenosi (capo delegazione), Marco Zanni (presidente gruppo ID), Annalisa Tardino (coordinatrice in commissione Libe), Simona Baldassarre, Mara Bizzotto, Paolo Borchia, Rosanna Conte, Gianantonio Da Re, Francesca Donato, Danilo Oscar Lancini, Elena Lizzi, Antonio Maria Rinaldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.