Lombardia, produzione industriale torna a livelli pre-covid

La produzione industriale della Lombardia cresce in modo costante e torna ad assestarsi sui livelli pre-covid. In merito è intervenuto il vicecapogruppo in Consiglio regionale della Lega, Floriano Massardi, che così commenta in una nota:
“Dopo mesi molto complessi torniamo a correre; rispetto all’anno scorso, la produzione industriale del secondo trimestre segna un +32.5%, portando i dati ben oltre le medie 2019 del medesimo periodo. Questi dati sono ottimi e ci confermano la bontà delle politiche messe in campo dalla nostra Amministrazione regionale.
La pandemia da Covid19 ha stravolto il contesto nel quale operavamo, non c’è dubbio. Questo ci ha imposto di dover modificare anche le politiche economiche messe in campo, adattandole alla nuova e mutata condizione. Abbiamo quindi iniziato un importante percorso con le realtà produttive, le associazioni di categoria e gli operatori economici, recependo le loro istanze e attivandoci, in sinergia con loro, per strutturare nuove strategie, per una ripresa che fosse il più rapida e solida possibile. I riscontri di oggi ci danno ragione, ci dicono che abbiamo operato in modo funzionale al mercato e al nostro tessuto economico, permettendo alla locomotiva del Paese di riprendere la propria corsa, non solo andando a raggiungere i livelli pre-crisi, bensì superandoli.
Hanno un forte segno positivo, infatti, sia gli ordini domestici (+3,8%) che quelli esteri (+6,1%), che sono entrambi superiori ai livelli pre-crisi (+10,0% gli ordini interni e +19,6% quelli esteri). L’indice manifatturiero di Unioncamere Lombardia si porta così a 114,6 superando sia il livello medio 2019 sia il punto di massimo del 2008 (113,0).
Con questo incremento degli indici di produzione, l’industria lombarda ha ampiamente recuperato i livelli produttivi pre-covid. La Lombardia è da sempre terra di innovazione e progresso, che non ha paura di affrontare le sfide, per quanto complesse e drammatiche possano essere. Se manterremo rapporti sinergici tra pubblico e privato, senza timore di andare a stravolgere gli assetti costituiti, ci manterremo più vicini alle esigenze del nostro sistema economico e continueremo a crescere e generare benessere per la nostra Lombardia e per i suoi cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.