Movimprese: bilancio nati-mortalità imprese bresciane tra luglio e settembre è positivo

Il bilancio della nati-mortalità delle imprese bresciane tra luglio e settembre si è chiuso con un saldo positivo di 470 unità. Si conferma anche nel terzo trimestre il saldo più alto dell’ultimo decennio che rimane influenzato dalla situazione di emergenza sanitaria in corso da quasi due anni.

Dall’analisi dei flussi della natalità d’impresa, realizzata dal Servizio Studi della CCIAA di Brescia, emerge che nel trimestre estivo sono nate 1.279 imprese, in calo del 5,3% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, periodo in cui si erano concentrate le iscrizioni di nuove imprese per effetto della riapertura delle attività seguite alle chiusure che avevano caratterizzato i primi due trimestri del 2020. Il confronto con il periodo pre-pandemico evidenzia che l’iniziativa imprenditoriale è in ripresa e in aumento del 4,9% rispetto alla media del triennio 2017-2019 (1.218 movimenti in media).

Per quanto riguarda le uscite dal sistema produttivo nel periodo luglio-settembre sono 809 le imprese che hanno cancellato la propria posizione dall’anagrafe camerale bresciana, ovvero l’11,3% in meno rispetto allo stesso periodo del 2020. Il confronto con il flussi medi del triennio pre-Covid (986 movimenti nella media dei terzi trimestri del periodo 2017-2019) conferma il vistoso calo delle cessazioni (- 18,0%). Il numero di imprese bresciane registrate a fine settembre sale a 118.914 unità con una variazione del +1,2% su base annua. Si tratta dell’incremento più alto registrato nei terzi trimestri degli ultimi dieci anni, influenzato, tuttavia, dal calo anomalo delle cancellazioni.

“I dati relativi alla nati-mortalità delle imprese bresciane relativi al III semestre 2021 – commenta il Presidente della Camera di Commercio, Ing. Roberto Saccone – confermano che nel 2021 l’iniziativa imprenditoriale ha ripreso slancio riportandosi ai livelli pre-pandemici. Più lenta si conferma la ripresa delle cancellazioni il cui dato è condizionato dagli aiuti messi in campo per evitare una perdita di potenziale produttivo che hanno sortito l’effetto di rimandare le chiusure”.

IL BILANCIO DEI SETTORI La crescita del numero di imprese su base annua è trainata dal settore delle costruzione che per il terzo trimestre consecutivo riportano una dinamica brillante (+373 unità in più) a cui ha contribuito la ritornata vitalità degli artigiani edili (+141 imprese in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno). Resta dinamico il terziario bresciano spinto dalla crescita dell’iniziativa imprenditoriale nelle attività professionali e tecniche (+339 imprese in più su base annua); dalle attività assicurative (+160 unità); dai servizi di supporto alle imprese (+140 unità) e i servizi di informazione e comunicazione (+58 unità). Positivo anche il saldo del commercio con 97 imprese in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e del comparto dell’alloggio e ristorazione che contano 59 imprese in più all’anagrafe camerale. Si confermano negativi i saldi dell’agricoltura (-55 unità) e delle attività manifatturiere (-65) dove il dato si inserisce in un trend strutturale di selezione e riduzione delle imprese in corso da molti anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.