A2A, Centrodestra bresciano aderirà a raccolta firme Legambiente contro rincari

Il centrodestra bresciano aderirà alla raccolta firme lanciata da Legambiente Brescia contro l’incremento delle tariffe del teleriscaldamento. I rincari applicati da A2a sono ingiustificati. Nel 2021/22 l’aumento medio annuale ha superato il 70%. Il calore però non viene prodotto esclusivamente con il gas. Anzi, A2A brucia soprattutto rifiuti per alimentare la propria cogenerazione. È dunque necessario che questa quota di combustibile venga esclusa dagli aumenti. La variazione delle tariffe deve riguardare solo la quota di utilizzo del gas, escludendo dal calcolo il calore generato dalla combustione dei rifiuti.

Il Comune di Brescia è azionista al 25% di A2a. Chiediamo dunque al sindaco una presa di posizione forte su questo tema. Dobbiamo tutelare le famiglie bresciane che già pagano il servizio di raccolta dei rifiuti attraverso la Tari e non possono pagare gli aumenti anche per la quota di teleriscaldamento ricavata dalla loro stessa immondizia. Una contraddizione in termini che non può essere tollerata. Per questo ci associamo agli appelli pubblici già fatti da diverse associazioni e siamo pronti a portare la questione nelle commissioni Bilancio e Ambiente. Rinnoviamo inoltre la richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale specifico sul tema.

Lo dichiarano in una nota congiunta i gruppi consiliari in Loggia di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.