La bretella di Bagnolo è quasi realtà

A questo punto manca solo la firma materiale sull’accordo di programma tra la Provincia di Brescia e il Comune di Bagnolo Mella per compiere il passo decisivo verso l’inizio della realizzazione della bretella che collegherà la SP VII e la 45 bis.

 

I due enti hanno ormai approvato l’accordo di programma e a breve il presidente Pierluigi Mottinelli e il sindaco Cristina Almici si ritroveranno (probabilmente in Broletto) per apporre la lor firma in calce al fatidico documento. Una volta completata anche questa formalità, la Provincia di Brescia dovrà aggiudicare entro la fine del 2019 i lavori, che, presumibilmente, dovrebbero concludersi entro il 2021.

 

Con passi forse anche lenti, ma costantemente rivolti in avanti, prosegue, dunque, il lungo e complesso percorso di questo progetto fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Bagnolo e che, dopo tanti incontri e contatti, era stato inserito inizialmente nelle opere comprese nel “Patto per la Lombardia” firmato il 17 ottobre del 2017 dalla Regione (comprendente l’elenco degli interventi per la messa in sicurezza degli itinerari ammessi al finanziamento di quasi 48 milioni stanziato, più di 7 dei quali destinati al territorio bresciano). Salvo passare poi sotto la gestione della Provincia di Brescia in seguito all’accordo siglato il 10 luglio di quest’anno.

 

In base a questa nuova convenzione sarà la Provincia di Brescia a curare le gestione dell’intervento e sarà la stessa Provincia a mettere a disposizione il 1.500.000 euro stanziato dalla Regione Lombardia per la costruzione di questa infrastruttura il cui costo è previsto in 1.700.000 euro. Un costo in vista del quale il Comune di Bagnolo Mella ha già messo a bilancio i 200.000 euro necessari per completare il tutto per la parte di sua competenza (per la precisione 80.000 euro sono stati inseriti a bilancio nel 2019 e 120.000 nel 2020). Di questa somma il 40% sarà versato all’aggiudicazione dei lavori (e quindi entro il 2019), il 40% al raggiungimento della metà delle opere previste e il restante 20% una volta avvenuto il collaudo.

 

E’ questo l’iter che porterà (finalmente) la bretella, attesa ormai da decenni dalla comunità bagnolese, a diventare una bella realtà, in grado di liberare il centro di Bagnolo Mella e in particolare il quartiere delle Urne dalla morsa del traffico pesante: “La bretella di collegamento tra la SP VII e la 45 bis – è la sintesi del sindaco Cristina Almici – ha rappresentato sin dal nostro primo mandato amministrativo un obiettivo fondamentale. Un tratto di strada di poco più di un km e mezzo che permetterà di spostare il traffico pensate dal quartiere Urne e dalla zona adiacente e rappresenterà un’altra tappa miliare del percorso che abbiamo elaborato per cambiare la fisionomia del traffico sul nostro territorio. Un progetto sicuramente ambizioso, ma che ha già mostrato risultati importanti con la realizzazione delle rotonde che si trovano all’ingresso nel nostro territorio da Brescia (dove ne sono state realizzate tre), da Manerbio e da quella che è ormai terminata (manca solo il necessario completamento dell’illuminazione) all’incrocio tra viale Italia e via Silvio Pellico e che indirizza verso Leno e verso Ghedi. Quando poi sarà completata pure la bretella i mezzi pesanti potranno dirigersi verso Leno e verso Manerbio senza entrare in una zona abitata come le Urne e senza coinvolgere il centro del nostro territorio. Una soluzione che offrirà vantaggi facilmente comprensibili dal punto di vista della sicurezza del traffico e della salute dell’ambiente, ma che ci permetterà di dare il via ad un altro progetto per noi molto importante e nel quale crediamo.

 

Una volta completata la bretella, infatti, potremo fare la domanda per l’apertura del casello autostradale, un obiettivo che a quel punto diventerà alla portata, senza dimenticare che, pur senza trascurare le risorse a disposizione in questi anni, si potrà riprendere a parlare di un tema quanto mai importante come la famosa tangenziale di Bagnolo. L’infrastruttura che potrà mettere definitivamente al sicuro il territorio bagnolese dal traffico e dalle sue conseguenze negative.

 

Un nuovo, grande progetto del quale, comunque, sarà utile parlare a tempo debito”. In questo momento, in effetti, è meglio mantenere alta la concentrazione sul presente e, in particolare su un presente che è finalmente destinato a “regalare” ai bagnolesi la sospirata bretella che unirà la SP VII e la 45 bis: “Si avvicina sempre di più il momento in cui la costruzione della bretella entrerà nella fase operativa – termina il sindaco Cristina Almici – Per quello che ci riguarda abbiamo approvato in Giunta l’accordo di programma con la Provincia di Brescia, abbiamo inserito a bilancio la cifra per sostenere economicamente la parte a noi spettante dell’intervento ed anche il PGT è stato preventivamente adeguato.

 

Adesso non resta che la firma sull’accordo stesso con la Provincia di Brescia, che poi sarà il soggetto appaltante ed avrà tempo fino al 31 dicembre del prossimo anno per aggiudicare i lavori. In questo momento in Provincia c’è già un progetto preliminare che dovrà proseguire nel suo iter e diventare definitivo ed esecutivo. Certo, il traguardo non è dietro l’angolo, ma questo progetto così importante per la comunità di Bagnolo va avanti e prosegue nella giusta direzione. Noi ci crediamo, così come crediamo nei benefici che questa bretella porterà al nostro territorio ed alla nostra popolazione. E’ per questo che in tutti questi anni ci siamo dati da fare con tanta tenacia ed ostinazione ed è sempre per questo motivo che non allenteremo d’un niente la presa fino a quando non potremo salutare questa nuova bretella”.            .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *