Nel 2018 il commercio salvato solo dall’alimentare

Nel 2018 cresce solo la spesa alimentare che mette a segno un aumento dello 0,6% in controtendenza rispetto all’andamento degli altri settori, dove si registra un calo dello 0,2%.

E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat sul commercio al dettaglio relativi a gennaio-dicembre dello scorso anno che evidenziano come siano solo gli acquisti di cibo a portare in positivo (+0,2%) la spesa complessiva.

Nel 2018 si registra in particolare un vero e proprio boom delle vendite nei discount alimentari, con un +4,4%.

In attivo anche i supermercati (+0,4%) mentre arretrano ipermercati (-0,3%) e piccole botteghe (-0,2%).

Continua anche la crescita del commercio elettronico, con un +12,1% il cui boom pesa sul calo del dettaglio tradizionale.

La sostanziale stagnazione dei consumi minaccia di continuare anche nel 2019, evidenziando lo stato di difficoltà dell’economia nazionale.

La spesa alimentare  è la principale voce del budget delle famiglie dopo l’abitazione con un importo complessivo di 244 miliardi ed è quindi un sensore attendibile dello situazione in cui si trovano gli italiani.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *