Bilancio partecipativo: a Palazzolo partecipa l’11% dei residenti

Sono 1.917 – pari all’11% dei residenti che hanno compiuto 13 anni nel 2018, contro una media delle esperienze nazionali che oscilla tra l’1-2% (Indagine Focus Lab) e l’8% – le schede valide dei cittadini che hanno partecipato alla prima fase del Bilancio Partecipativo, ideato e realizzato con il supporto di Refe, presentando un progetto sull’Obiettivo 11 – Città e comunità sostenibili dell’Agenda 2030 dell’ONU.

I progetti ricevuti sono complessivamente 33 e su questi il Comune ha effettuato la verifica di fattibilità tecnica ed economica, individuando gli 8 finalisti tra quelli fattibili che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze. Si apre ora la seconda fase della partecipazione, finalizzata a far conoscere i progetti finalisti a tutta la comunità, in modo che i cittadini possano scegliere in modo informato e consapevole come votare e destinare i 200.000 euro stanziati per il Bilancio Partecipativo.

I progetti finalisti, pubblicati oggi sul sito del Comune, saranno presentati a tutta la comunità lunedì 11 marzo alle ore 21 alla Casa della Musica in Piazza Dante Alighieri 2

«Ringraziamo tutti i cittadini che si sono attivati e messi in rete – commenta il Sindaco Gabriele Zanni – per progettare insieme risposte concrete ai bisogni della collettività e costruire una Città più sostenibile. Si tratta di un risultato importante per la comunità. Grazie all’elevata partecipazione dei cittadini il Bilancio partecipativo è diventato uno strumento reale per dare voce ai bisogni della Città e costruire soluzioni condivise» .

Obiettivi e risultati in linea con le Linee programmatiche di mandato, che recitano: “Intento dell’Amministrazione è quello di favorire in tutti i settori della propria azione un coinvolgimento informato e responsabile dei cittadini, singoli e associati, svolgendo una funzione di coordinamento e attivazione di processi partecipativi”.

I cittadini potranno votare i progetti finalisti sabato 30 e domenica 31 marzo dalle 8 alle 20 in Sala Civica. Il voto è aperto a tutti i residenti che hanno compiuto 13 anni nel 2018, che potranno esprimere una sola preferenza. Per votare basterà avere con sé un documento d’identità. I progetti più votati saranno finanziati fino ad esaurimento del budget e inseriti nei documenti di programmazione dell’Ente. I cittadini potranno seguire online lo stato di attuazione dei progetti vincitori.

«La scommessa – conclude il Sindaco – è che un’Amministrazione che decide con la partecipazione diretta dei cittadini migliori i risultati della propria azione di governo. Siamo certi che i nostri cittadini risponderanno ancora numerosi per rilanciare un patto di corresponsabilità tra Comune e cittadini».■

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *