Cna e AustismInsieme pensano al futuro dei giovani disabili

Il titolo dell’iniziativa – “Io sto diventando grande” – evoca meglio di qualsiasi spiegazione il tema dell’incontro, oltre che le preoccupazioni di tante famiglie bresciane di fronte al fatto che i figli disabili stanno crescendo e diventa sempre più difficile tenerli sotto la cappa protettiva costruita finché erano piccoli. Abbandonati i giochi e concluso il ciclo scolastico, per i giovani disabili, così come per tutti, è il momento di pensare al lavoro, alla vita
indipendente e, di conseguenza, all’inclusione sociale. È qui che, insieme, stanno lavorando da qualche tempo la Cna (Confederazione nazionale artigianato e piccola media impresa) con il fondo AustismInsieme. Una realtà, la Cna, non scelta a caso, ma proprio per la sua caratteristica di associare soprattutto realtà di piccole e medie dimensioni “a misura d’uomo”, dove il rapporto umano e il vissuto di ciascuno resta ancora un valore.

Per parlare di autismo, inclusione sociale, lavoro e vita indipendente Cna Brescia e AustismInsieme propongono per mercoledì 10 aprile alle 20 nella sede della Confederazione (via Orzinuovi 3) un incontro sul tema, con testimonianze dirette di imprese e famiglie.

“Si parla spesso di autismo nei bambini, poiché le diagnosi vengono eseguite in tenera età – spiega la presidente di Cna Brescia Eleonora Rigotti – . Ma questi piccoli poi crescono e le famiglie, spesso, vivono con angoscia il passaggio all’età adulta a causa della carenza di servizi che se ne possano prendere cura. In questo difficile momento trovare un impiego o una realtà che sa accogliere può essere importante per tutti: per i ragazzi, le famiglie e la
società più in generale. Ma anche per il mondo del lavoro e delle imprese”.

Durante il convegno prenderanno la parola due imprenditori, che racconteranno la loro esperienza in azienda con ragazzi affetti da disabilità mentali: si tratta dell’associato Cna Mimma Ferraboli, presidente della Ferraboli srl e di Angelo Tosana, presidente della cooperativa Cogess. Al loro fianco ci sarà il consulente del lavoro Matteo Bodei, che illustrerà anche dal punto di vista tecnico-amministrativo il tema. All’incontro prenderanno la parola anche la presidente Rigotti, Claudia Carzeri (componente commissione Sanità della Regione), Alessandro Franchi (fondo Autinsieme), Simone Antonioli (direttore tecnico FoBap) e Marco Faini (direttore Anffas Brescia). A concludere i lavori sarà Gabriella Baiguera, presidente bresciana di Cna Impresa Donna.

La partecipazione all’iniziativa è aperta a tutte le imprese e alla cittadinanza.

Per confermare la partecipazione o richiedere informazioni si può telefonare al numero 030-3519511 o scrivere a sviluppo@cnabrescia.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *