Vinitaly, la firma dei vini bresciani sempre più presente

È sempre più targata Lombardia la svolta verso il biologico del mondo vitivinicolo italiano. Nell’ultimo decennio la superficie destinata alla coltivazione di vite in regime bio o in conversione nella prima regione agricola italiana è infatti quadruplicata, passando dai 981 ettari censiti nel 2009 ai 3.945 ettari registrati nel 2018 (+402 per cento).

LA CLASSIFICA PER PROVINCE – Stando ai dati elaborati da Regione Lombardia, a guidare la classifica provinciale per quanto riguarda le coltivazioni green è Brescia, che con 2.255, ettari, che precede Pavia (1.430 ettari). Seguono Mantova (114 ettari),Bergamo (85), Sondrio (38), Lecco (12), Milano (9), Varese (0,6), Cremona (0,2) e Como (0,1).

LOMBARDIA OLTRE 50% RISPETTO A MEDIA NAZIONALE – Secondo i dati del Sinab, il Sistema d’Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica, che ha fotografato la situazione nelle singole regioni nel periodo 2009-2017, la crescita lombarda (+375% tra 2009 e 2017) è stata di oltre il 50% più sostenuta di quella media nazionale, che ha fatto registrare un pur lusinghiero +241%.

PUNTIAMO SU QUALITÀ, DISTINTIVITÀ E LEGAME CON TERRITORIO – “La Lombardia punta principalmente sulla qualità dei prodotti, sulla loro distintività e sul legame indissolubile con i territori – commenta l’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi -. Sul nostro territorio regionale si producono per il 90 per cento vini a Denominazione di qualità, grazie a 5 DOCG, 21 DOC e 15 IGT. Il tema della tutela della biodiversità e della produzione sostenibile a livello ambientale calza a pennello con le esigenze di mercato, perché il consumatore è sempre più sensibile e attento rispetto a queste tematiche. Negli ultimi anni in Lombardia c’è stato un aumento esponenziale della viticoltura biologica”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.