Bollette della luce: come tenere sotto controllo i consumi, nonostante il condizionatore

Nonostante l’estate stenti a decollare, presto il caldo arriverà e l’uso del climatizzatore durante i mesi caldi potrebbe accrescere i consumi di luce, causando un aumento delle bollette. Ecco alcuni consigli pratici degli esperti SOStariffe.it per risparmiare energia elettrica e ottimizzare l’uso dell’apparecchio, alleato indispensabile contro l’afa estiva in arrivo

L’arrivo della bella stagione ci porterà ad attivare un elettrodomestico in più, oltre a quelli di solito in funzione. Il condizionatore d’aria, per le tante famiglie che ne possiedono uno, contribuisce a gonfiare le fatture della luce se non si tengono sotto controllo i consumi. I consigli degli esperti SOStariffe.it permettono di risparmiare sul conto dell’energia elettrica durante i mesi estivi, riducendo al minimo l’impatto del condizionatore.

Il climatizzatore fa impennare i consumi

Negli ultimi 30 anni le vendite di climatizzatori sono triplicate, soprattutto in Cina e Usa e a seguire in Europa. L’uso del condizionatore per tenere a bada la calura estiva è un antidoto all’innalzamento della temperatura dovuto ai cambiamenti climatici, ma non lo è al crescere delle bollette. Anzi: durante i mesi di utilizzo le fatture della luce di solito si gonfiano. Si tratta di un elettrodomestico molto apprezzato dalle famiglie con bambini e sempre più diffuso in città. In media un nucleo familiare spende circa il 5% del proprio reddito annuale per pagare il conto dell’energia elettrica. I rincari si registrano, in un range dall’11% fino al 42% in Paesi come Australia, Canada, Francia, Giappone, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Svizzera.

Alcuni trucchi taglia-bollette

Ridurre i costi derivanti dall’applicazione delle varie offerte luce senza rinunciare al climatizzatore è possibile. In che modo? Anzitutto dando la priorità ad apparecchi di classe energetica elevata. Dunque, se stiamo acquistando un nuovo climatizzatore oppure vogliamo sostituire quello che abbiamo già in casa guardiamo l’etichetta e optiamo per un modello di classe A, A+ oppure A++. Ciò consentirà di alleggerire le fatture della luce fino al 20%.

Inoltre, prediligiamo gli apparecchi dotati di inverter: sono modelli all’avanguardia che regolano la potenza in relazione al fabbisogno domestico e ottimizzano i cicli di accensione e spegnimento. Acquistare un nuovo condizionate ci permette inoltre di usufruire degli incentivi statali all’efficienza energetica: ci vengono riconosciuti sotto forma di detrazioni fiscali al 50 oppure al 65%.

Impostare l’apparecchio nel modo corretto

Un altro aspetto cui prestare attenzione è l’uso corretto del condizionatore. Regolarlo a temperature molto basse potrebbe rivelarsi inutile. Inoltre, bisogna considerare che caldo e umidità vanno spesso di pari passo: impostando il climatizzatore in funzione di deumidificatore, possiamo agire sull’umidità e tagliare i consumi elettrici fino al 13%. Occhio a chiudere sempre le finestre quando si utilizza il condizionatore per non disperdere l’aria fresca, evitando così inutili sprechi. Inoltre, programmare con l’apposita funzione la temperatura ideale per la notte e il giorno consente di alleggerire i consumi fino al 10%.

Posizionarlo in alto sulla parete

Quando installiamo il nostro condizionatore è buona norma collocarlo nella parte alta della parete, che andrebbe anche coibentata. L’aria fredda infatti si muove dall’alto verso il basso. Mai posizionarlo dietro i divani o le tende, che invece possono ostacolare la diffusione dell’aria fredda. Ogni stanza inoltre dovrebbe avere il suo apparecchio: usarne uno solo per più locali mantenendo le porte aperte è dispersivo e il risultato finale è quello di tenere fresca solo la stanza in cui l’elettrodomestico è stato collocato. È opportuno poi non saltare mai la pulizia periodica dei climatizzatori, concentrandosi sui filtri dell’aria e sulle ventole. La corretta manutenzione dell’impianto è indispensabile ad assicurarne le migliori prestazioni e dunque tenere sotto controllo i consumi.

No allo stand-by per gli altri elettrodomestici

È soprattutto il climatizzatore a determinare fatture elettriche ‘pesanti’ nel corso dei mesi estivi. Tuttavia, è bene non trascurare tutti gli altri apparecchi che abbiamo in casa. Prestiamo attenzione ad esempio al frigorifero, la tv o la lavatrice, e in generale ai dispositivi usati con maggiore frequenza. Non vanno mai lasciati in stand-by, ma spenti del tutto quando possibile. Se sono dotati di funzioni di risparmio energetico preferiamole rispetto all’uso comune. Infine, sostituiamo i nostri apparecchi più obsoleti con nuovi elettrodomestici moderni e ad alta efficienza energetica.

Passare al mercato libero per alleggerire le fatture

Se rispettare tutte queste regole non basta ad alleggerire le nostre bollette, potrebbe essere una buona idea passare a un fornitore del mercato libero, abbandonando la maggior tutela. Una volta individuato il nostro consumo annuo di energia, che di solito è riportato in bolletta, possiamo avvalerci di un comparatore online, come il tool di SOStariffe.it per le offerte luce https://www.sostariffe.it/energia-elettrica/ consultabile anche sullo smartphone grazie all’applicazione SOStariffe.it per dispositivi mobili https://www.sostariffe.it/app/ . Il principale vantaggio è il risparmio di tempo e anche di denaro. In seguito alla ricerca, un unico quadro sinottico ci restituisce in pochi minuti tutte le proposte più convenienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.