Il grande flagello. Covid-19 a Bergamo e Brescia

La presentazione del libro-inchiesta di Massimo Tedeschi edito da Scholé, si svolgerà martedì 30 giugno al Viridarium del Museo di Santa Giulia a Brescia. Con l’autore interverranno Giorgio Gori ed Emilio Del Bono – i sindaci delle due città più colpite dal virus in Italia – e il presidente dell’ordine dei Medici di Brescia Ottavio Di Stefano.

L’evento. Martedì 30 giugno 2020 – alle ore 18,30 – a Brescia, presso il “Viridarium” del Museo di Santa Giulia si svolgerà la presentazione del volume di Massimo Tedeschi Il grande flagello. Covid-19 a Bergamo e Brescia”, edito da Scholé. L’iniziativa, promossa da diverse realtà culturali – Cooperativa Cattolica Democratica di Cultura, Fondazione Brescia Musei, Scholé – e dal Comune di Brescia, vedrà la partecipazione -insieme all’autore – del sindaco di Bergamo Giorgio Gori e di Brescia Emilio Del Bono, del presidente dell’Ordine dei Medici di Brescia Ottavio Di Stefano. In attuazione delle norme sul distanziamento sociale per partecipare è necessario dare conferma al numero 030.2977833/34. In caso di maltempo la manifestazione si terrà nell’ Auditorium San Barnaba (Corso Magenta 44).

Il volume. Bergamo e Brescia sono i territori che, in Italia, hanno pagato al Covid-19 il prezzo più alto. Due delle province più dinamiche economicamente e più avanzate per la qualità degli ospedali, tra la fine di febbraio e il maggio del 2020 hanno retto l’urto spaventoso di un virus che in quest’area e in poche settimane ha visto più vittime dell’intera Seconda Guerra mondiale e scene strazianti inimmaginabili. Sin dall’inizio Massimo Tedeschi, giornalista e saggista, si è fatto cronista e interprete di questo drammatico periodo. Giornalista e saggista, già caporedattore del “Corriere della Sera” e responsabile del dorso bresciano del quotidiano, ha raccolto il suo lavoro nelle pagine de “Il grande flagello. Covd-19 a Bergamo e Brescia” (Scholé, pp. 327, euro 19,90) ricostruendo le vicende dell’epidemia con testimonianze dirette, interviste, sopralluoghi, dialoghi personali, ma pure attingendo al lavoro di colleghi della carta stampata, delle radio, della tv, visitando siti, passando in rassegna social network, ecc. Tutto questo per offrire un percorso, una chiave di lettura e un racconto che è già storia. Dalla pluralità di voci e dalla vasta messe di dati emergono sottovalutazioni iniziali, errori, sottostime a catena, lacune organizzative, sviste strategiche che hanno dilatato gli effetti dell’epidemia. Dalla ricostruzione offerta da “Il grande flagello” emergono al tempo stesso la capacità tecnico-scientifica degli ospedali locali, la dedizione del personale sanitario, la generosità diffusa e la capacità di riorganizzazione sociale con cui Bergamo e Brescia hanno risposto alla tragedia. L’allarme iniziale ampiamente sottovalutato, l’inefficacia del piano epidemico regionale, la diversità dei modelli di risposta della Lombardia e del Veneto, ma anche la “chiusura” di questa seconda regione a pazienti provenienti da altre, la mobilitazione degli ospedali di Brescia e Bergamo e la débacle della medicina di territorio, la sottostima delle vittime e la “strage silenziosa” nelle Rsa, la mancata creazione di una “zona rossa” in Bassa Valseriana e l’allestimento dell’ospedale da campo alla Fiera di Bergamo, le scelte delle amministrazioni locali e i gesti dei due vescovi, sono solo alcuni dei temi affrontati dal libro e riuniti in un racconto incalzante e che spinge a riflettere, oltre la narrazione. Il libro è costruito in tre parti. La prima, di carattere introduttivo offre una storia sintetica della pandemia nella Lombardia orientale e indica i temi di discussione di oggi futuri; la seconda è costituita da interviste consentono di ascoltare le voci e le analisi di alcuni dei protagonisti: i due sindaci Giorgio Gori ed Emilio Del Bono; il direttore del Dipartimento emergenza urgenza area critica dell’ospedale Papa Giovanni, Luca Lorini, e il direttore dell’Unità operativa Malattie infettive presso gli Spedali Civili, Francesco Castelli; il presidente dell’Ordine dei medici di Brescia Ottavio Di Stefano e la presidente dell’Ordine degli infermieri Stefania Pace; i vescovi alla guida delle due diocesi, Pierantonio Tremolada e Francesco Beschi; la terza è di fatto un diario di bordo che con ritmo tambureggiante consente di rivivere l’accavallarsi degli eventi, dei lutti, degli appelli, dei segnali di speranza a Bergamo e Brescia. Il Grande flagello consegna alla memoria collettiva il ricordo di una enorme tragedia, ma anche le chiavi interpretative per capire cos’è accaduto e perché. Un esempio di come il giornalismo di qualità possa offrire, in presa diretta, pagine di cronaca storica e di passione civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.