Prima giornata amara per i Brescia Baseball

10 mesi dopo l’ultima partita giocata della passata stagione, dopo gli incubi del Covid-19 e delle vicende legate al campo da baseball di Brescia che hanno portato il Brescia Baseball alla scissione dal CUS Brescia finalmente per il movimento del batti e corri bresciano si torna a parlare di baseball giocato.

Primo doppio incontro stagionale avvenuto sul campo di Bollate (quest anno per i leoni bresciani saranno tutte in trasferta anche le gare casalinghe) e che ha visto la formazione di casa prevalere in entrambi gli incontri grazie ad un colpo di reni finale dopo che in entrambi i match il Brescia era partito forte mantenendo il vantaggio fino all’ultimo inning (le partite sono state disputate sulla lunghezza di 7 inning secondo il regolamento straordinario d quest’anno).

Sicuramente nell’esito degli incontri ha pesato la preparazione non ancora ottimale dei ragazzi di coach Gorrin, che hanno cominciato ad allenarsi solo da poche settimane ed in una struttura assolutamente inadeguata alla pratica del baseball, ma questo ritorno al baseball giocato si spera sia anche di buon auspicio per la realizzazione dei buoni propositi mostrati dall’amministrazione locale di Brescia che ci auguriamo questa volta non restino solo nelle parole ma si convertano in fatti.

Ma veniamo alla cronaca degli incontri.

 

In gara 1 i lanciatori partenti sono Federico Virgadaula per il Brescia e Bortolomai Giovanni per il Bollate.

Dopo le prime due riprese che servono a rompere il ghiaccio e a riprendere confidenza col terreno da gioco la partita si accende al quarto inning grazie a 3 valide della squadra ospite, ad opera di Pestana, Rosales e Pellegrini, che fruttano un punto ma che lasciano anche l’amaro in bocca  per non aver concretizzato ulteriormente una situazione di basi piene e 0 out, chiudendo la ripresa con un solo punto segnato.

Sul monte Virgadaula lancia una partita in completo controllo e chiude dopo 4 riprese lanciate con un ottimo score di 4 strikeout e solamente due valide concesse.

La partita prosegue in equilibrio fino alla parte bassa del sesto inning, quando il rilievo ospite, Pittari, fino a quel momento ineccepibile, affronta un momento di imprecisione e concede 4 basi ball e un colpito che il Bollate capitalizza con pazienza e cinismo segnando ben 5 punti.

E’ un ribaltone a cui Brescia non riesce a reagire e l’ultimo attacco ospite si spegne con un nulla di fatto, lasciando il punteggio inviariato sul 5 a 1 per la squadra meneghina. E’ forte il rammarico per la partita sfuggita all’ultimo momento, anche in considerazione del fatto che Brescia ha prodotto di più (8 valide contro 4), ma senza concretizzare.

 

In gara 2 i leoni bresciani sono determinati a riscattare la bruciante sconfitta del mattino e partono subito fortissimo con il piede sull’acceleratore. Apre subito con un singolo Gorrin e in seguito Polo, il lanciatore partente di Bollate, perde un po’ di sicurezza e comincia a faticare a inquadrare la zona della strike, concedendo 4 basi ball e 3 punti, che portano gli ospiti subito in vantaggio per 3 a 0.

Dopo questa prima fiammata Brescia perde un po’ di impeto e sembra accontentarsi del risultato senza riuscire a mettere in campo giocate decisive.

Sull’altro lato del campo l’ottimo lavoro di Fandinho (5 riprese lanciate con ben 9 strikeout) conserva il risultato, ammutolendo le mazze meneghine.

Al quarto inning Brescia mette a referto un altro punto grazie al singolo di Bazzana, che spinge a casa Gorrin e si porta sul 4 a 0.

Con la partita in controllo il manager Gorrin decide di dare spazio al giovane rilievo Mirandi, che tira un buon sesto inning, concedendo un solo punto e mettendo a segno anche uno strike out.

Sul punteggio di 4 a 1 all’ultimo attacco di Bollate per provare a recuperare si vede sul monte bresciano Coletti, reduce da una lunga convalescenza causa operazione al tendine del gomito sinistro. I lanci del bresciano sono precisi ma peccano ancora della consueta efficacia e il Bollate trova la zampata che consente, con ben 4 valide, di cui due doppi, di andare a segnare 4 punti per la vittoria in walkoff per 5 a 4, che regala la doppietta alla squadra di casa e la bruciante sconfitta per il Brescia.

 

Due partite dall’andamento simile che hanno mostrato i limiti nella preparazione della squadra ma anche un buon livello di baseball, che ha permesso al Brescia di essere avanti nel risultato per la maggior parte del tempo e di giocarsela più che alla pari con una delle formazioni più accreditate del girone.

Il prossimo weekend sarà turno di riposo per i bresciani, che avranno così tempo di continuare ad affinare la propria preparazione, in vista dello scontro con Settimo Torinese, reduce da un importante doppia affermazione sul campo del Senago, previsto per il 26 Luglio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.