Brescia zona rossa o arancio: il sindaco si rivolga al governo

Siamo sorpresi dalle affermazioni del Sindaco Del Bono- chiosano Massimo Tacconi e Melania Gastaldi, capogruppo e consigliere comunale della Lega – che chiede a gran voce che Brescia sia messa in zona arancio, in contraddizione rispetto a quanto dichiarato dalla consigliera di maggioranza Albini, delegata alla sanità, che invita a una maggiore prudenza.

 

Sindaco e delegata sono su due posizioni diverse evidentemente. Questa spaccatura in maggioranza crea confusione ai cittadini, visto che il Sindaco dice una cosa e chi ha  delegato lui stesso un’altra.

 

Attualmente siamo in zona rossa e questo comporta sacrifici per famiglie e commercianti, ma la decisione si basa, come ricorda anche l’Assessore regionale Caparini, su indici di contagio che adesso in Provincia di Brescia non sono tali da poterci classificare immediatamente in zona arancio.

 

Brescia sta meglio di altre province lombarde e riesce ad accoglierne anche i malati, ma la decisione di restare o meno in zona rossa viene presa dal Governo sulla base di indici scientifici, Governo della medesima appartenenza della Loggia a cui il Sindaco può direttamente appellarsi

 

 

 

f.to Massimo Tacconi

Capogruppo

Gruppo Lega Salvini Lombardia

 

f.to Melania Gastaldi

Consigliere Comunale

Gruppo Lega Salvini Lombardia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.