Bagnolo Mella: approvato un bilancio di piena attività

Il bilancio di previsione che è stato approvato dall’Amministrazione Comunale di Bagnolo Mella offre lo spazio per alcune riflessioni di indubbio rilievo: “Non è un bilancio di fine mandato, ma di piena attività – è la sintesi del sindaco Cristina Almici, che, in effetti, in autunno terminerà il suo secondo mandato alla guida della cittadina bassaiola – Lo spirito non è affatto quello di vivacchiare in attesa dell’appuntamento elettorale, ma, al contrario, di far proseguire a passo spedito tutto quello che abbiamo programmato in questi anni e non perdere neppure un istante senza portare avanti un disegno che deve proseguire per il bene della nostra comunità”.

Prendendo spunto da questa idea di base, il bilancio di previsione 2021-2023, che raggiunge il pareggio poco sopra i 24 milioni di euro (per la precisione 24.149.239,48 euro), propone numeri assai interessanti come i quasi 9 milioni di spese correnti e i quasi 8,5 milioni di spese in conto capitale previsti per questo 2021 in corso, mentre sul versante opposto le entrate correnti sfiorano i 5.800.000 milioni di euro e quelle in conto capitale si avvicinano ai 4,9 milioni. I dati che compongono il bilancio di previsione acquistano comunque il loro significato se vengono inseriti nel contesto del “progetto di lavoro” che la Giunta Almici intende portare avanti nei prossimi mesi: “Questa parte finale del nostro mandato – conferma il primo cittadino di Bagnolo – sarà particolarmente intensa. Vogliamo portare il più avanti possibile il progetto amministrativo che abbiamo definito per la nostra comunità e per il suo futuro. In questo senso basti pensare che solo per le progettazioni delle opere raggiungeremo la cospicua cifra di 1,3 milioni. Intendiamo realizzare numerosi interventi ed altrettanti li vogliamo completare.

È per questo che siamo sempre in prima fila nella ricerca di contributi regionali e statali con i quali rendere tutti questi lavori più sostenibili per le casse comunali. Con l’inizio di aprile è entrato nel vivo un percorso che offre un occhio di riguardo agli edifici scolastici del territorio. In questo momento si sta lavorando nella Scuola Primaria di via XXVI aprile e sono ai nastri di partenza i lavori nella Scuola di via Bellavere. In questo tragitto inseriremo anche il recupero dell’ex Scuola di viale Stazione, che è destinata a rivestire un ruolo molto importante in futuro, sia come casa delle associazioni che come polo multifunzionale ed emergenziale. Sono comunque diversi i fronti che ci vedranno attivi nelle prossime settimane. In questo senso passiamo dalla concretizzazione dell’iter per la realizzazione della palestra di via Borgo al completamento dell’illuminazione del Parcobaleno e della pista ciclabili di viale Padre Marcolini, dalla compartecipazione alla realizzazione della nuova bretella che collegherà la SP VII e la ex 45 bis (per le nostre casse il costo, dopo l’inserimento della nuova rotonda che verrà realizzata tra via Leno e via Urne, sarà di 600.000 euro) al prosieguo del piano di asfaltature (uno stralcio per altri 500.000), sino a comprendere gli interventi che sono previsti sugli impianti sportivi (a cominciare da quelli del Circolo Tennis), per i servizi sociali e per il mondo della scuola. Saranno mesi di grande lavoro perché siamo decisi ad arrivare alla fine del mandato con la consapevolezza di avere fatto il massimo del programma che ci eravamo prefissati”. In quest’ottica c’è anche un altro aspetto che il sindaco Almici tiene a sottolineare ed è quello relativo ad una sensibile diminuzione dell’indebitamento dell’ente: “Ad essere sinceri – confida Cristina Almici – in questi dieci anni abbiamo letteralmente rinnovato mezzo Bagnolo. Eppure, nonostante tutti questi interventi, siamo riusciti a migliorare in modo notevole la “salute” della casse comunali. Basti pensare che il 1 gennaio del 2011 il nostro Comune aveva un debito di 9,8 milioni di debito di mutuo.

Adesso siamo scesi a 6.723.761,11, ma non dobbiamo dimenticare che, oltre ad avere cancellato la situazione di predissesto dalla quale siamo partiti, abbiamo realizzato opere ed interventi per diversi milioni di euro. Questo, ovviamente, ci ha portato ad accendere nuovi mutui, ma non possiamo dimenticare che, pur realizzando tutte queste opere, in questo momento abbiamo i conti a posto oltre a 500.000 euro in cassa che in un momento di ristrettezze come quello che stiamo attraversando, complici anche tutte le difficoltà portate dall’emergenza sanitaria, rappresentano pur sempre una bella risorsa. In effetti – è la conclusione del sindaco Almici – proprio tutte le problematiche con le quali abbiamo dovuto fare i conti durante questo mandato costituiscono il principale motivo di soddisfazione per essere riusciti a portare avanti un programma tanto intenso ed importante, salvaguardando al tempo stesso i conti del Comune. È in quest’ottica che dev’essere letto il bilancio di previsione che è stato approvato, un bilancio pensato per avere continuità e far proseguire lo sviluppo che siamo riusciti a realizzare in questi dieci anni di mandato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.