Goletta dei Laghi sul Garda: i risultati dei monitoraggi

Sono stati sei i punti monitorati quest’anno dalla Goletta nelle acque del lago di Garda e sottoposti ad analisi microbiologiche. Di questi tre sono risultati fuori dai limiti di legge e più precisamente giudicati come“fortemente inquinati”. Nel mirino ci sono sempre canali e foci, i principali veicoli con cui l’inquinamento microbiologico, causato da cattiva depurazione o scarichi illegali, arriva nei laghi. In tre di questi sono state riscontrate cariche batteriche oltre i limiti di legge: si tratta della foce del canale nei pressi della spiaggia in località Le Rive, a Salò, uscito fuori dai limiti anche nel 2020 dopo due annate di buoni risultati; della foce del torrente nei pressi del porto di Padenghe sul Garda, risultante fuori dai limiti alle analisi della goletta oramai da oltre dieci anni; e, infine, fortemente inquinato risulta la foce del rio nell’Oasi San Francesco del Garda a Desenzano del Garda, punto nuovo introdotto quest’anno su segnalazione del circolo locale. Entro i limiti invece gli altri due punti a Desenzano del Garda, la foce del canale presso la Spiaggia d’Oro e presso la spiaggia a sud della Lega Navale, e il prelievo effettuato presso la foce del torrente Toscolano a Toscolano Maderno.

È questa la fotografia scattata nella tappa lombarda lungo le sponde del Lario   da un team di tecnici e volontari di Goletta dei Laghi, la campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute dei bacini lacustri italiani. I risultati sono stati presentati all’interno di una conferenze stampa che  ha visto la partecipazione di Barbara Meggetto, Presidente di Legambiente Lombardia, Paolo Bonsignori Circolo Legambiente Garda, Elisa Scocchera, Portavoce Goletta dei Laghi.

“Dal 2006 con Goletta dei Laghi monitoriamo le criticità dei laghi lombardi – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – Una condizione questa che ci ha permesso di mettere in luce i punti deboli e spostare l’attenzione dalla balneabilità delle acque al loro disinquinamento. Anche in un lago come il Benaco assistiamo a situazioni cronicizzate che stentano ad essere risolte. Il tema del risanamento delle acque, soprattutto in provincia di Brescia, è centrale per risolvere una delle tante criticità che permangono nel bresciano. I fondi del Pnrr dedicati alle acque possono aiutare questo percorso. Importante è agire prendendo in carico i problemi e cercando le giuste soluzioni, senza spostare nel tempo la salvaguardia di un bene prezioso come l’acqua”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.