Il grande sostegno della delegazione di Brescia di Fondazione Umberto Veronesi

I fondi raccolti durante lo scorso anno, grazie al grande impegno della delegazione bresciana – guidata da Raffaella Franzoni – hanno permesso alla Fondazione di finanziare il progetto annuale della ricercatrice Silvia Codenotti. La dottoressa Codenotti, che verrà premiata mercoledì 31 maggio alle ore 11.00 presso l’Aula Magna dell’Università Statale di Milano, durante l’annuale cerimonia dedicata ai finanziamenti alla ricerca scientifica di Fondazione Umberto Veronesi, è impegnata quotidianamente presso l’Università degli Studi di Brescia, in un progetto che mira ad identificare i meccanismi molecolari attivati dalla proteina Akt1 per promuovere la resistenza alla terapia e le alterazioni metaboliche nel rabdomiosarcoma.

La via di segnalazione (una serie di meccanismi molecolari che si attivano “a cascata”) controllata dalla proteina Akt1 è una delle più frequentemente attivate nei tumori, ed è responsabile della crescita incontrollata, della riprogrammazione metabolica e della sopravvivenza delle cellule cancerose. L’eccessiva attivazione di Akt1 è collegata a una maggiore malignità nel rabdomiosarcoma, un tumore raro che colpisce bambini e adolescenti. Per studiare il ruolo di Akt1 è stato generato un modello di cellule umane di rabdomiosarcoma con elevata presenza di Akt1: queste cellule crescono molto più rapidamente e hanno un’aumentata capacità di migrazione e di invasione. Inoltre, l’attivazione di Akt1 promuove la resistenza alla chemio e radioterapia, ma anche una maggiore sensibilità alla deprivazione di nutrienti come glucosio e colesterolo (ovvero, il tumore è più sensibile alla loro carenza). Obiettivo del progetto sarà identificare i meccanismi molecolari attivati da Akt1, in grado di indurre resistenza alle terapie e i cambiamenti metabolici che promuovono l’aggressività tumorale. Sarà così possibile, in futuro, identificare nuovi bersagli terapeutici che potranno essere utilizzati per migliorare l’efficacia delle terapie.

Il finanziamento alla dottoressa Silvia Codenotti è stato possibile grazie al grande impegno profuso dalla delegazione bresciana composta da Raffaella Franzoni, Michela Bolpagni, Guido Breda, Gabriele Trebeschi, Mara Metelli, Nicola Palazzini e Clara Lazzaroni e dalle aziende e realtà commerciali del territorio che hanno deciso di dare il proprio contributo alla ricerca scientifica a beneficio dei pazienti di oggi e di domani.

 

Grande l’emozione e la gioia di essere riusciti, già nel corso del nostro primo anno di attività, a sostenere il dottorato di ricerca della dott.ssa Codenotti presso la prestigiosa Università degli Studi di Brescia. Il risultato è stato raggiunto grazie all’impegno di tutti i delegati bresciani e dei tanti amici che hanno deciso di sostenere il nostro percorso in favore del progresso scientifico” – afferma Raffaella Franzoni, Responsabile della Delegazione di Brescia.

 

Chi fosse interessato a mettersi in contatto con la Delegazione di Brescia di Fondazione Umberto Veronesi può utilizzare l’indirizzo e-mail: info.brescia@fondazioneveronesi.it

 

FONDAZIONE UMBERTO VERONESI ETS

Nasce nel 2003 per volontà del Professor Umberto Veronesi per promuovere il progresso scientifico, concentrando il proprio operato in due aree: finanziamento alla ricerca scientifica d’eccellenza, motore del progresso scientifico, e divulgazione scientifica, perché le scoperte della scienza diventino patrimonio di tutti. Durante questi vent’anni Fondazione ha creato le basi per un nuovo modello di sviluppo della scienza, introducendo un criterio inedito nel nostro Paese: investire nella cultura scientifica per creare una nuova generazione di scienziati e di cittadini consapevoli dei progressi della ricerca. Per Fondazione Umberto Veronesi, cultura scientifica significa utilizzo sociale degli obiettivi e dei risultati della scienza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.