Aics: vicina alle società affiliate per la ripartenza

Il Comitato Aics di Brescia oltre a cercare di rimanere vicino alle società affiliate nel corso di questa grave emergenza sanitaria sta pensando anche a come sostenere nel modo più concreto possibile la “ripartenza”. Quando l’epidemia sarà (finalmente) superata e si dovranno trovare le forze e le idee per riavviare la propria attività l’Aics vuole essere al fianco dei suoi tesserati: “Questa lunga fermata forzata e tutto quello che ne consegue – spiega il presidente provinciale Antonio Parente – stanno mettendo a dura prova molte realtà. Per questo l’Aics è decisa ad affiancare le società affiliate quando verrà il momento di costruire la ripresa. Sappiamo che non sarà affatto facile ed è per questo che vogliamo esserci. Certo – sorride il massimo dirigente bresciano dell’Aics – viste le risorse a disposizione, non sarà un aiuto economico, ma stiamo già studiando la possibilità di mettere in atto iniziative e manifestazioni che facciano capire che le nostre società sono ancora ben vive e che la passione e la voglia di fare non sono state cancellate da questo isolamento forzato. Riuscire a far vedere che le società impegnate nelle diverse discipline sono ancora pronte a mettersi in gioco sarà molto importante. Le nuove manifestazioni, infatti, non saranno solo un momento per ritrovare socializzazione e un’occasione per tornare a stare insieme. Potranno e dovranno diventare lo strumento per richiamare l’attenzione delle comunità e degli sponsor che potranno dare il loro sostegno prezioso alla rinascita di tutto il movimento sportivo. Tutto questo – è la conclusione di Antonio Parente – anche perché dobbiamo mantenere bene in vista il valore dello sport come l’Aics lo interpreta. E’ un mezzo privilegiato per educare e formare le nuove generazioni e una volta passata l’emergenza sanitaria dovrà tornare a fiorire come si deve. Con questo spirito siamo pronti a metterci al fianco delle nostre società e a confrontarci con loro quando sarà il momento di far ripartire l’attività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *